Acqua contaminata e irregolarità: chiuso parco acquatico a Messina - QdS

Acqua contaminata in parco divertimenti siciliano: chiusura dopo blitz Nas

webms

Acqua contaminata in parco divertimenti siciliano: chiusura dopo blitz Nas

webms |
giovedì 11 Agosto 2022 - 10:08

In tutta Italia sono 10 i parchi acquatici chiusi per acqua contaminata, piscine abusive e altre irregolarità. Blitz Nas anche a Messina.

Strutture abusive o con acqua contaminata da batteri fecali: sono 10 i parchi acquatici chiusi dai carabinieri dei Nas. Una di queste strutture si trova in provincia di Messina.

L’operazione dei carabinieri rientra nell’ambito di una campagna di controlli in tutta Italia. Gli operatori hanno ispezionato ben 288 strutture tra luglio e agosto: 83 sono risultate irregolari e i militari hanno elevato sanzioni penali e amministrative per oltre 40mila euro.

Acqua contaminata e piscine abusive: da Messina a Latina, numerose strutture chiuse

In 4 episodi (nelle province di Messina, Viterbo e Latina), i carabinieri hanno scoperto la presenza di acqua contaminata e non idonea in impianti natatori e di divertimento. Nelle acque delle strutture, infatti, sarebbero stati rilevati anche elevati contenuti di coliformi fecali e cariche batteriche. Il rischio per la salute umana, in presenza di acque così contaminate, era naturalmente alto.

Chiuse altre 3 piscine totalmente abusive nelle province di Napoli, Reggio Calabria e Bari e altre 3 strutture per rilevanti carenze strutturali ed autorizzative. Le violazioni, inoltre, hanno riguardato anche casi di inosservanza alla normativa di sicurezza dei luoghi di lavoro e mancato rispetto delle norme anti-Covid. Tra queste ultime rientrerebbero l’assenza di cartellonistica informativa e la mancanza delle periodiche pulizie e sanificazioni.

Inoltre, nei punti ristoro interni alle strutture, i militari del Nas hanno sequestrato oltre 250 chili di alimenti scaduti e privi di tracciabilità. Tanti gli spazi in pessime condizioni igieniche o di manutenzione scoperti dai carabinieri nelle strutture, molto frequentate in estate.

Immagine di repertorio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684