Modica, dipendenti comunali non pagati. Cgil: “Il Sindaco ha preferito pagare altro” - QdS

Modica, dipendenti comunali non pagati. Cgil: “Il Sindaco ha preferito pagare altro”

Stefania Zaccaria

Modica, dipendenti comunali non pagati. Cgil: “Il Sindaco ha preferito pagare altro”

martedì 27 Agosto 2019 - 01:00
Modica, dipendenti comunali non pagati. Cgil: “Il Sindaco ha preferito pagare altro”

Due mesi di stipendio maturati e quattro anni di accessorio non pagati, questa l’accusa del sindacato. Nei prossimi giorni probabile l’indizione di un’assemblea per definire le azioni da porre in atto

MODICA (RG) – Due mesi di stipendio maturati e quattro anni di accessorio non pagati ai dipendenti comunali. Si può riassumere con questi due punti lo stato di agitazione proclamato dalla Cgil per i lavoratori del comune di Modica.

La sofferenza economica che caratterizza altri lavoratori, come quelli della Servizi per Modica (Spm) e delle cooperative sociali, coinvolge infatti anche i dipendenti diretti dell’ente. E da molto tempo.

“I lavoratori indiretti, poi – hanno sottolineato Salvatore Terranova e Nunzio Fernandez, segretari di Camera del Lavoro e Fp Cgil – ormai per scelta politica sono abbandonati al loro destino e nei prossimi giorni presenteremo un resoconto dettagliato, ma anche chi rappresenta l’intelaiatura amministrativa e burocratica dell’ente è lasciato all’asciutto, all’abbandono e senza prospettiva, con una inespressa consapevolezza che l’ente è ormai ridotto a rottame”.

“Questo perché – hanno aggiunto Terranova e Fernandez – il sindaco continua nelle sue esternazioni pubbliche, a mezzo tv, a dire cose assolutamente non vere, facendo passare per reali fatti che sono reali solo nella sua mente, dando risposte veramente fantasiose, di quelle fantasie che si nutrono per lo più di bugie. Da informazioni attinte, pare che il sindaco non abbia pagato gli stipendi pur avendo avuto la liquidità per poterlo fare, preferendo pagare altro. A questo punto ci chiediamo cosa ha dovuto o preferito pagare prima, anteponendolo agli stipendi? Cosa ha dovuto fare se ha pagato somme ingenti, dando priorità ad altri impegni? Pur sapendo che la concezione che lo caratterizza nel rapporto e nella gestione delle istituzioni pubbliche è quella di pensarsi il padrone di esse perché eletto, non possiamo esimerci dal chiedergli di rendere pubblici tutti i mandati di pagamento emessi dell’ente nel bimestre luglio-agosto”.

I sindacalisti hanno infatti annunciato una “operazione verità”, visto che pretendono di conoscere bene le dinamiche che si celano dietro a questi ritardi e il modus operandi dell’Amministrazione nella gestione delle somme. “Pretendiamo di conoscere questi atti che trasferiscono all’esterno risorse, anche ingenti – hanno evidenziato Salvatore Terranova e Nunzio Fernandez – non perché vogliamo mettere dito sulle scelte dell’Amministrazione, ma per conoscere, questo sì è un nostro diritto, l’importanza di ciò che ha avuto priorità rispetto al pagamento degli emolumenti”.

L’associazione sindacale non ha comunque escluso che nei prossimi giorni potrebbe essere indetta un’assemblea sindacale per definire le azioni da porre in atto, anche perché i lavoratori sono ormai esausti da una situazione che si protrae da troppo tempo.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684