Molti i cantieri per le scuole taorminesi - QdS

Molti i cantieri per le scuole taorminesi

Massimo Mobilia

Molti i cantieri per le scuole taorminesi

mercoledì 02 Settembre 2020 - 00:01
Molti i cantieri per le scuole taorminesi

Concesso un finanziamento da quasi un milione di euro per servire la popolosa frazione. Tra gli interventi più importanti quelli nella Vittorino Da Feltre, avviati dopo 16 anni di attesa

TAORMINA (ME) – Mentre si avvicina, non senza polemiche, la fatidica data di riapertura delle scuole fissata dal Governo, continuano gli interventi di risanamento sull’edilizia scolastica, con importanti novità.

È stato definitivamente accolto un finanziamento da 960 mila euro, della Regione siciliana a valere su linee di intervento dei Fondi europei, per la realizzazione di un nuovo asilo nido nella popolosa frazione di Trappitello. Il progetto, che era stato più volte annunciato dall’Amministrazione del sindaco Mario Bolognari, trova così adesso conferma e si inserisce in un più ampio programma di restyling per le scuole taorminesi, sia del centro storico che delle frazioni. Sempre a Trappitello, infatti, l’attuale polo scolastico di contrada Santa Filomena, dove sorgerà il nuovo asilo, si trova in condizioni critiche a causa del crollo di parte del tetto per infiltrazioni che, lo scorso anno, aveva costretto a chiudere un piano delle elementari e spostare i bambini nei locali delle scuole medie.

Per questo motivo, il Comune sta lavorando su un ulteriore finanziamento da circa 2 milioni di euro, presso l’assessorato regionale per l’Istruzione, che servirà a realizzare un plesso scolastico totalmente nuovo, su tre livelli e su un terreno poco distante dall’attuale scuola, ormai ritenuta vecchia e pericolante. Bisognerà attendere l’acquisizione delle somme e poi avviare la trafila burocratica.

Dei 960 mila euro per l’asilo nido, invece, 470 mila saranno cofinanziati dal Comune in tre anni. I lavori prevedono la demolizione dell’edificio esistente, per farne uno totalmente nuovo che potrà ospitare fino a trenta bambini, a differenza del progetto precedente che prevedeva soltanto una ristrutturazione che non avrebbe risolto i problemi strutturali di natura antisismica. Motivo per il quale l’Amministrazione aveva deciso di far decadere il vecchio finanziamento e puntare sul nuovo. Massima attenzione anche all’asilo nido comunale del centro storico, dove lo scorso anno scolastico erano state individuate infiltrazioni di acqua dal tetto e che, proprio nei giorni scorsi (deliberazione numero 227 del 26 agosto), ha ottenuto l’assegnazione di 11.368 euro per eseguire i lavori di rifacimento dell’intonaco, in tempo prima dell’apertura.

Il cantiere più importante, però, è sicuramente quello della scuola elementare Vittorino Da Feltre. Aperto il 4 giugno dopo 16 anni di attesa, punta a essere finito – secondo quanto previsto dal cronoprogramma – in due anni, e quindi pronto per l’anno scolastico 2022/2023. La storica sede delle classi elementari del centro era chiusa, per inagibilità strutturale, dal 2004. Una telenovela infinita tra immobilismo amministrativo e finanziamenti persi durante la quale, nel frattempo, a farne le spese sono stati i circa 350 alunni costretti a traslocare, insieme a personale docente e amministrativo, nella sede della scuola media Ugo Foscolo, a sua volta in condizioni non propriamente sicure.

Un investimento ingente, del valore di 1 milione e 795 mila euro, che Taormina è riuscita a ottenere dal dipartimento regionale Istruzione e Formazione professionale, attraverso un finanziamento a valere sul Po Fesr 2014/2020 per la riqualificazione degli edifici scolastici, cofinanziato per 322 mila euro. Il Comune era entrato in graduatoria, per la prima volta, nel 2014 ma il finanziamento era andato perso per la mancanza di documentazione e revocato dal Cipe ad aprile del 2018. Recuperato a settembre dello stesso anno, è stato poi riassegnato a Palazzo dei Giurati.

A portare avanti i lavori è la ditta Lsv di Maletto, risultata aggiudicataria del bando al quale avevano partecipato altre 224 ditte. L’obiettivo è una “ristrutturazione e manutenzione straordinaria, per l’adeguamento alle norme vigenti in materia di agibilità, sicurezza delle strutture e degli impianti, igiene ed eliminazione delle barriere architettoniche”.

Twitter: @MassimoMobilia

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684