Monitoraggio e sorveglianza dei nati prematuri grazie a una rete formata da Iss, Sin e Sinpia - QdS

Monitoraggio e sorveglianza dei nati prematuri grazie a una rete formata da Iss, Sin e Sinpia

redazione

Monitoraggio e sorveglianza dei nati prematuri grazie a una rete formata da Iss, Sin e Sinpia

mercoledì 19 Giugno 2019 - 00:00
Monitoraggio e sorveglianza dei nati prematuri grazie a una rete formata da Iss, Sin e Sinpia

Collaborazione tra Istituto di sanità, Società di neonatologia e Società di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza

in collaborazione con ITALPRESS

ROMA – Una rete per il monitoraggio e la sorveglianza dei nati prematuri. È questo l’ultimo risultato della collaborazione tra Istituto superiore di sanità (Iss), Società italiana di neonatologia (Sin) e Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (Sinpia), che si sono uniti in una rete per il riconoscimento, la diagnosi e l’intervento precoce dei disturbi dello sviluppo nel neonato pretermine e a rischio.

L’obiettivo di tale sinergia è quello di definire un appropriato modello organizzativo e un protocollo di follow-up condiviso tra neonatologie e neuropsichiatrie per il monitoraggio del neonato pretermine in tutto il territorio italiano. Tale modello sarà definito estendendo la rete anche ad altri professionisti coinvolti nella valutazione e presa in carico del neonato prematuro.

“Lo sviluppo e l’implementazione – ha detto Maria Luisa Scattoni, coordinatrice dell’Osservatorio nazionale autismo dell’Iss – di protocolli di sorveglianza e di valutazione del neurosviluppo nelle popolazioni generali e ad alto rischio è un obiettivo che l’Iss sta perseguendo in forte sinergia con il ministero della Salute. L’Istituto superiore di sanità, come organo tecnico-scientifico del Sistema sanitario nazionale è impegnato nella promozione di modelli organizzativi sostenibili che possano garantire l’uniformità dei percorsi clinico-diagnostici in tutto il territorio italiano”.

La collaborazione con la Società italiana di neonatologia arricchisce e consolida la rete operativa di sorveglianza del neurosviluppo che il ministero della Salute e l’Iss stanno promuovendo in collaborazione con la Società di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza e le principali Società scientifiche pediatriche.

“I neonati prematuri – ha sottolineato Fabio Mosca, presidente della Società italiana di neonatologia – contribuiscono a più del 50% delle morti in epoca neonatale e a circa il 40% di quella infantile. Questi neonati presentano inoltre un elevato rischio di gravi esiti a distanza (neurosensoriali, cognitivi, respiratori) e necessitano di attento monitoraggio dello sviluppo attraverso specifici protocolli di follow-up. La Società italiana di neonatologia, pertanto, sta promuovendo la disseminazione capillare in tutti i reparti di Patologia neonatale o Terapia intensiva neonatale (Tin) italiani della prima indagine nazionale sui servizi di follow – up del neonato pretermine e/o a rischio. Questa indagine è il primo passo per disporre di dati affidabili sulla base dei quali operare scelte professionali e di politica sanitaria”.

Anche la Società italiana di neuropsichiatria infantile ha pienamente investito nella collaborazione con l’Iss per l’istituzione di una rete di coordinamento tra neuropsichiatria infantile e pediatria finalizzata alla diagnosi e all’intervento precoce. “La Sinpia – ha spiegato la presidente Antonella Costantino – fornirà il suo contributo nella definizione del protocollo di follow-up. I servizi di neuropsichiatra infantile da sempre partecipano alla sorveglianza longitudinale del neonato pretermine insieme ai neonatologi e ai pediatri. Una diagnosi precoce consente l’introduzione di interventi tempestivi e mirati, e può migliorare in modo significativo la prognosi e la qualità di vita”.

“I risultati dell’indagine nazionale – ha concluso Scattoni – dei servizi di follow-up del neonato pretermine e/o a rischio, saranno presentati a Roma il 13 novembre 2019 in occasione della settimana in cui si celebra la Giornata mondiale della Prematurità. Un appuntamento cruciale in cui i professionisti impegnati a vario grado nel follow-up e nel primo intervento, le società scientifiche e le istituzioni si riuniranno per discutere il contesto nazionale, le criticità e gli interventi strategici da mettere in campo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684