Musica, Franco Battiato tra poesia ed espressività - QdS

Musica, Franco Battiato tra poesia ed espressività

redazione

Musica, Franco Battiato tra poesia ed espressività

mercoledì 16 Ottobre 2019 - 08:48
Musica, Franco Battiato tra poesia ed espressività

"Torneremo ancora", che rappresenta una sorta di testamento spirituale, è l'unico brano inedito e dà il nome al nuovo cd. La voce era stata registrata due anni fa. Le polemiche sull'assenza dell'artista per ragioni di salute

Trascendenza, poesia, rapporto con l’Altro e con l’Alto, con mondi visibili e invisibili: in “Torneremo ancora”, unico brano inedito che dà il nome al nuovo cd di Franco Battiato, c’è tutto questo: un tema esistenziale sempre presente nella importante produzione del Maestro.

Forse un testamento spirituale, un campo spesso battuto dal grande cantautore che manifesta ancora una incredibile potenza espressiva e musicale.

La voce è stata registrata un paio di anni fa – è stato spiegato nella conferenza stampa a Milano dove l’artista, a causa delle condizioni di salute, era assente – arrangiata da lui (scrittura e composizione con Juri Camisasca) e con l’ aggiunta degli archi, sempre di suo copyright, ma suonati dalla inglese Royal Philharmonic Concert Orchestra nel maggio scorso.

Le altre 14 canzoni proposte, registrate sempre con la Royal in concerti live nel 2017, sono una summa di stampo sinfonico del tanto bello di Battiato, da “La Cura”, “E ti vengo a cercare”, “Le nostre anime”, “Come un cammello in una grondaia”, “Le sacre sinfonie del tempo” a “Povera Patria”, “I treni di Touzer” e “Prospettiva Nevsky”.

“La vita non finisce, è come il sonno, la nascita è come il risveglio finché non saremo liberi torneremo ancora e ancora e ancora…”, scrive Battiato in “Torneremo ancora” e aggiunge, fra l’altro, “lo sai, che il sogno è realtà un mondo inviolato ci aspetta da sempre i migranti di Ganden in corpi di luci su pianeti invisibili”.

Parole profonde, che fanno riflettere sul destino che aspetta tutti alla fine dell’esistenza.

E come sempre c’è attenzione alla religiosità: i migranti di Ganden rappresentano il percorso delle anime al termine della vita terrena e le vicissitudini che questa nostra esistenza comporta.

La copertina è una fotografia scattata a Grado (Gorizia), nell’alto Adriatico con la marea bassissima e tantissime persone a camminare in due centimetri d’acqua con una luce arancio che da terra raggiunge il cielo. Intensa e simbolica.
La pubblicazione dell’album, in un momento molto delicato della salute dell’artista, ha creato qualche polemica sul web soprattutto per l’ipotesi che vi siano canzoni realizzate da tempo e mai pubblicate come capita a tanti musicisti.

I collaboratori di Battiato, Francesco Cattini, Pino Pischetola e Francesco Messina hanno però stemperato la questione.

“Franco non ha neanche un accordo da parte, né canzoni – è stato detto – è sempre stato un perfezionista. ‘Torneremo ancora’ gli piaceva molto, ha capito di aver scritto qualcosa di importante e quando ha ascoltato l’intero cd era emozionato. La canzone è tutta di Franco: ha inciso la voce un paio di anni fa e poi è stata mixata come è normale con la musica scritta e suonata da lui, chi lo conosce sa che ogni nota è sua. Si trovava nella grande professionalità delle orchestre inglesi e quindi sono proposte le canzoni registrate nel tour, con una microfonatura da studio professionale, con l’inedito”.

E’ stato anche mostrato un video di Franco Battiato in studio casa sua e Francesco Messina, scherzando, ha rimarcato: “E’ stato girato il dieci e l’undici agosto, peccato che non abbiamo messo un giornale per dimostrarlo”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684