Blocca nomine Regione siciliana, l'Ars dà una spallata ai clientelismi - QdS

Blocca nomine Regione siciliana, l’Ars dà una spallata ai clientelismi

web-dr

Blocca nomine Regione siciliana, l’Ars dà una spallata ai clientelismi

Giuseppe Bonaccorsi  |
giovedì 17 Marzo 2022 - 09:38

Passato a Sala d'Ercole l'emendamento delle opposizioni anche con i voti di parte della maggioranza. La soddisfazione del segretario regionale Pd Anthony Barbagallo

“Abbiamo impedito con l’approvazione dell’emendamento da noi presentato all’Ars che il governo Musumeci potesse avviare quella lottizzazione politica di alcune poltrone di manager della Sanità in vista dell’imminente campagna elettorale”.

Lo ha detto ieri sera poco dopo Il voto a Sala d’Ercole il deputato e segretario regionale del Pd Antony Barbagallo in riferimento alla bagarre politica in Aula sulla correzione alla legge nel punto che riguarda le nomine in enti di una certa importanza come i vertici delle aziende sanitarie.

Anthony Barbagallo, segretario regionale Pd

Barbagallo, tutte le opposizioni, ma anche parte della maggioranza che fa capo alla Lega – con Sammartino acerrimo nemico di Musumeci – e della squadre dei sei deputati che fanno riferimento al presidente Ars Micciché, oggi fermo oppositore a una ricandidatura del governatore, hanno affossato la proposta del governo di procedere alla nuova designazione di alcuni dei manager in scadenza che adesso, al contrario e grazie al provvedimento votato, dal giorno dopo la scadenza naturale del mandato verranno automaticamente rinominati commissari in attesa della fine della campagna elettorale per le regionali e l’insediamento del nuovo governo.

“Nei fatti – ha proseguito Barbagallo – con il blocca nomine il governatore è uscito impallinato. Con il sì a maggioranza di sala d’Ercole, la maggioranza di centrodestra non esiste più e la fine della legislatura è sempre più vicina”. “Uno spettacolo indecente – ha aggiunto il segretario del Pd– con la strenua difesa in Aula di potere e poltrone da parte di un governo che non ha più il sostegno dei numeri, ma pensava di alimentare la propria campagna elettorale con la nomina di dirigenti e posti di sottogoverno. Abbiamo stoppato il tentativo di lottizzazione della sanità da parte di Musumeci e sancito la fine di questa stagione del Centrodestra in Sicilia. Da oggi inizia una fase politica nuova..”.

Non è un mistero che la stessa soddisfazione sia stata manifestata anche da quella fronda della maggioranza che fa capo a Micciché e anche a Luca Sammartino.

Cosa prevede il documento approvato

Il documento approvato fa riferimento a una legge che prevede che “nei 180  giorni antecedenti alla scadenza naturale della legislatura regionale, ai sensi dell’articolo 3 dello Statuto della Regione, – ovvero, si legge nell’emendamento – dopo il verificarsi di una causa di conclusione anticipata della legislatura regionale, è fatto divieto al presidente, alla Giunta e agli assessori della Regione, pena la nullità, di procedere a nomine, designazioni,  o conferimenti di incarichi  in organi di amministrazione attiva, consultiva, o di controllo della Regione, in enti, aziende,  comprese quelle di cui all’articolo 8 della legge regionale 14 aprile 2009 n.5 e successive modificazioni, in consorzi, agenzie, soggetti, comunque, denominati di diritto pubblico o privati sottoposti a tutela,  controllo o vigilanza da parte della Regione in  società controllate o partecipate”.

“Paradossale quanto accaduto a un certo punto in Aula – ha concluso Barbagallo -. Alla fine quando “Diventerà Bellissima” ha capito che l’emendamento passato con un ampio numero, ha dato disposizione ai suoi deputati di votare a favore. Come dire: anche noi abbiamo segnato nella stessa porta…”.

Giuseppe Bonaccorsi

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684