Come sarà il nuovo porto di Palermo: "Basta mito del Sud pigro" - QdS

Come sarà il nuovo porto di Palermo: “Basta mito del Sud pigro”

web-la

Come sarà il nuovo porto di Palermo: “Basta mito del Sud pigro”

Raffaella Pessina  |
giovedì 05 Maggio 2022 - 06:27

"Con questa nuova infrastruttura abbiamo sfatato lo stereotipo di un Sud pigro e incapace di investire", dice il ministro del Sud Mara Carfagna. Musumeci: "Ripensare trasporti per isole minori"

“Siamo convinti che, soprattutto al Sud, lo sviluppo venga dal mare – ha detto – Vogliamo e possiamo trasformare il Mezzogiorno nel ponte che collega l’Europa all’Africa: i porti sono la chiave di questo progetto ambizioso. Con questa nuova infrastruttura abbiamo sfatato lo stereotipo di un Sud pigro e incapace di investire”.

Con queste parole il ministro per il Sud, Mara Carfagna, in un video messaggio ha commentato l’inaugurazione al porto di Palermo del Cruise Terminal, la nuova stazione marittima ricavata sullo scheletro dell’antica stazione marittima.

Porto Palermo, la nuova opera

L’opera, costata 40 milioni di euro, è una struttura moderna di acciaio e vetro con molti spazi dedicati al verde. Particolare attenzione, infatti, è stata riservata al controllo microclimatico ambientale e al risparmio energetico ad alta sostenibilità.

All’ultimo piano dell’innovativo terminal passeggeri trova posto un bar (un altro è al piano terra), e un grande ristorante. Nel contempo sono stati anche dragati i fondali e realizzate opere per permettere alle grandi navi di crociera di attraccare senza faticose manovre.

Il terminal servirà anche per gli aliscafi e i collegamenti con le isole minori.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha annunciato che nei prossimi giorni assegnerà la cittadinanza onoraria al presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti: “Finalmente – ha spiegato – il porto di Palermo non è più una zona off limits. Grazie all’impegno straordinario del presidente Monti si sta riportando il porto nella città e la città nel porto”.

Ed è stato proprio Monti ad annunciare che a giugno dell’anno prossimo verrà inaugurato lo spazio cosiddetto trapezoidale.

Porto Palermo, il futuro e il nuovo spazio

“Novemila metri quadrati di eccellenze dal punto di vista delle strutture ricettive: 1600 metri quadrati che ospiteranno le eccellenze enogastronomiche siciliane, tre ristoranti bordo acqua, un convention center da 250 posti a sedere, una parte di club house destinata al porticciolo della Cala, che ci si è dimenticati essere un porticciolo turistico, e finalmente un sito monumentale che non è più il parcheggio di un ristorante ma sarà un museo multimediale la cui gestione è stata assegnata per i prossimi 30 anni alla società che gestisce Le vie dei tesori e inserito nel contesto del percorso Unesco”.

Presente all’inaugurazione anche il Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Giancarlo Cancelleri, che si è detto soddisfatto ed orgoglioso di un’opera così innovativa: “Palermo oggi è proiettata a diventare la città con il porto per eccellenza della Sicilia, capace di accogliere il transito di un milione e mezzo di passeggeri l’anno. Un porto di attracco per le navi crociere ma anche di partenza dove i passeggeri non resteranno solo poche ore in città ma anche intere giornate”.

La Sicilia “attende da tempo di restituire al territorio opere idonea ad un rilancio commerciale ed economico non solo regionale, ma soprattutto nazionale ed internazionale”, ha concluso.

Porto Palermo, le parole di Musumeci

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha approfittato dell’inaugurazione per affrontare il problema dei rincari nei collegamenti con le isole minori: “Ne stiamo parlando da qualche mese con l’assessore Falcone – ha detto – serve una strategia diversa perché chi va nelle isole per divertirsi risponde a una categoria di utenti, chi va nelle isole perché residente o per trovare gli anziani genitori appartiene a un’altra categoria. Non dovremmo svantaggiare nè l’una nè l’altra ma tenere conto delle differenze”.

“Oggi – ha aggiunto Musumeci – celebriamo la consegna di un’importante infrastruttura, frutto dell’impegno dell’Autorità portuale e del suo presidente Pasqualino Monti. C’è una sinergia forte tra tale istituzione e la Regione, perché crediamo che un’isola come la nostra debba avere la chiave di accesso, ovvero i porti, altamente competitiva, in un bacino come il Mediterraneo che torna ad assorbire il 30% del traffico mondiale di merci. La Sicilia rimane una delle cinque tappe al mondo preferite per il turismo, che sta diventando uno dei settori trainanti della nostra economia”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684