Oltre settecento neoimprenditori lanciati in Sicilia nel 2019 - QdS

Oltre settecento neoimprenditori lanciati in Sicilia nel 2019

Pietro Vultaggio

Oltre settecento neoimprenditori lanciati in Sicilia nel 2019

venerdì 14 Febbraio 2020 - 00:00
Oltre settecento neoimprenditori lanciati in Sicilia nel 2019

Quattro misure garantiscono finanziamenti a fondo perduto: Resto al Sud, Cultura Crea, Smart&Start e Nuove imprese a tasso zero. Secondo i report presentati da Invitalia la Sicilia è in cima alle classifiche: 607 progetti approvati con Resto al Sud

PALERMO – Non è certamente facile fare impresa in Italia ed in particolar modo in Sicilia, ma gli strumenti per iniziare ci sono tutti: Resto al Sud, Cultura Crea, Smart&start e Nuove imprese a tasso zero. Finanziamenti a fondo perduto, prestiti a tasso agevolato, garanzie, sono a disposizione dei giovani siciliani aspiranti imprenditori.

Assoimpresa e Invitalia hanno organizzato una due giorni avente per tema principale “Lo sviluppo economico della Sicilia”. Secondo i report presentati da Invitalia, la Sicilia è in cima alle classifiche.

‘Resto al Sud’ ha visto approvare nell’Isola 607 progetti per un investimento complessivo di 39,2 milioni di euro e 2.307 posti di lavoro previsti: 182 progetti sono stati presentati a Palermo, 113 a Catania, 101 a Messina, 53 a Trapani, 49 a Siracusa, 40 ad Agrigento, 27 a Caltanissetta e altrettanti a Ragusa, 15 a Enna.

‘Smart&start’ ha finanziato nella Regione 31 start-up, al pari di Abruzzo e Veneto, mentre con ‘Nuove imprese tasso zero’ sono nate 44 nuove aziende, con la Sicilia che si piazza dietro soltanto a Campania e Lazio. ‘Cultura crea’ ha invece ammesso 42 domande nell’Isola, per un totale di 6,3 milioni di euro di agevolazioni e una previsione di 113 occupati.

Ha aperto i lavori Mario Attinasi, presidente di Assoimpresa: “Oggi chi ha idee nuove e voglia di fare ha tutti gli strumenti per mettersi in gioco e realizzare la propria impresa. Le misure messe a disposizione dallo Stato valgono oltre 400 milioni di euro per tutta Italia e hanno consentito di approvare oltre 700 progetti solo nell’Isola”.

Gaetano Armao, vice presidente della Regione e assessore all’Economia, ha invece illustrato tutte le grandi opportunità che oggi vengono offerte, a differenza del passato: “Sono garantiti finanziamenti a fondo perduto fino all’80% delle spese”.

Entrando nel vivo delle misure, queste sono quattro e sono gestite da Invitalia: Resto al Sud è per i giovani under 46 che vogliono avviare un’attività imprenditoriale o professionale, con copertura fino al 100%; Cultura crea è dedicata a iniziative imprenditoriali e no-profit nel settore dell’industria culturale-turistica; Smart&start è utile per le start-up innovative con copertura fino al 90%; Nuove imprese a tasso zero è rivolta ai giovani fino a 35 anni o alle donne che vogliono avviare attività imprenditoriali con coperture fino al 75%.

Come già detto, gli investimenti attivati nel 2019 in tutta Italia sono pari a oltre 400 milioni di euro, ma il plafond a disposizione è molto più ampio, fa sapere il presidente di Assoimpresa. “È quindi importante invogliare tutti a presentare la propria idea – afferma Attinasi – e a sottoporla ai nostri consulenti, confermando i buoni risultati raccolti finora”.

A queste dichiarazioni, si è aggiunto Fabio Mazzola, professore ordinario di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche dell’Università di Palermo: “Queste iniziative sono meritevoli perchè fanno da collante a tutti gli strumenti a disposizione dei giovani che vogliono intraprendere la strada dell’autoimprenditorialità. Diventare liberi professionisti è una opportunità che i nostri giovani devono cogliere e l’Università di Palermo è stata sempre presente in questo settore, con dei corsi specifici e con la promozione delle start-up”.

A volte non è difficile iniziare un’attività, bensì mantenerla, ricordando a se stessi che una crescita che si mantiene costante non è una crescita ma l’inizio del fallimento. Una impresa va aperta e curata con investimenti mirati per soddisfare i bisogni dei clienti ed essere tra le prime scelte.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684