Omicron 5 travolge la Sicilia, ospedali pieni e boom contagi: "Assurdo il liberi tutti, e i vaccini... "- Video - QdS

Omicron 5 travolge la Sicilia, ospedali pieni e boom contagi: “Assurdo il liberi tutti, e i vaccini… “- Video

web-la

Omicron 5 travolge la Sicilia, ospedali pieni e boom contagi: “Assurdo il liberi tutti, e i vaccini… “- Video

Luigi Ansaloni  |
lunedì 04 Luglio 2022 - 20:17

E' un Renato Costa furioso, quello che parla ai microfoni di qds.it. Omicron 5 sta letteralmente travolgendo la Sicilia

“Quello che stiamo vedendo è assurdo, assurdo. Togliere le mascherina in un momento del genere è una follia, e tornare indietro sarà difficile”. E’ un Renato Costa furioso, quello che parla ai microfoni di qds.it. Omicron 5 sta letteralmente travolgendo la Sicilia, e la situazione non può far altro che peggiorare, secondo il commissario straordinario all’emergenza Covid di Palermo: “Aspettiamo il picco, che dovrebbe essere a metà luglio, e poi vediamo. Ma attendiamo centinaia di migliaia di turisti, non credo che le cose miglioreranno”.

Omicron 5: “Decisioni sbagliate”

Costa se la prende con chi ha attuato certe decisioni: “Non capisco che fastidio dava la mascherina, ad esempio. In un evento all’aperto o al chiuso, che problema c’era? Io so solo che vediamo qui alla Fiera del Mediterraneo una quantità di positivi spaventosa, a volte un tasso anche che sfiora il 50%, mai vista una cosa così – dice Costa – E sento parlare certi politici e medici che danno messaggi tranquillizzanti, quando non c’è proprio niente da tranquillizzare: Omicron 5 non è affatto come un’influenza, e vediamo anche giovani con importanti patologie polmonari, anche se vaccinati”.

Omicron 5 e i vaccini

A proposito di vaccini, Costa è chiaro: “Questo è un virus completamente nuovo, i vaccini funzionano contro la malattia grave ma quasi nulla contro l’infezione. Vediamo anche tantissimi reinfetti, quasi il 10%, che è una cifra altissima. I vaccini non ci hanno dato forse la tranquillità e la protezione che speravamo – continua il commissario – Ma dobbiamo resistere fino a quelli adattati sulle varianti”.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684