Palermo, ragazza nigeriana "schiava del sesso", arrestati i suoi aguzzini - QdS

Palermo, ragazza nigeriana “schiava del sesso”, arrestati i suoi aguzzini

web-mp

Palermo, ragazza nigeriana “schiava del sesso”, arrestati i suoi aguzzini

web-mp |
martedì 18 Gennaio 2022 - 07:10

L'inchiesta della Dda di Palermo avviata dalla denuncia di una ragazza nigeriana: dall'ingresso clandestino in Italia, costretta a prostituirsi e sottoposta a ridi vodoo

Tratta di persone, riduzione in schiavitù, sequestro di persona, sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Ruota attorno a questo impianto accusatorio l’operazione della polizia che ha portato all’arresto di 4 nigeriani affiliati all’organizzazione di tipo mafioso “Black Axe”.

L’inchiesta diretta dalla Dda di Palermo

L’inchiesta diretta dalla Dda di Palermo fu avviata in seguito alla denuncia di una ragazza nigeriana che ha raccontato delle violenze subite nel suo paese d’origine da parte degli affiliati ad un’organizzazione “cultista”, con preciso riferimento su come era riuscita a fare ingresso clandestino in Italia per poi essere destinata alla prostituzione.

Una ragazza nigeriana costretta a prostituirsi a Palermo

La vittima era stata segregata nel suo paese d’origine da un gruppo di uomini appartenenti al secret cult denominato “Black Axe”, riuscendo a liberarsi grazie a un connazionale, dietro il suo impegno a recarsi in Italia come “schiava” del gruppo.

Perciò fu sottoposta a rito voodoo e fu costretta a promettere agli aguzzini il pagamento di 15 mila euro, somma necessaria per raggiungere illegalmente il territorio nazionale.

La fuga della ragazza, denuncia alla Polizia, l’arresto dei suoi aguzzini

Arrivata a Palermo, era stata costretta alla prostituzione a consegnare ai propri aguzzini i proventi dell’attività.

La donna riuscì infine a scappare, rivolgendosi al pastore che la convinse a denunciare tutto alla polizia facendo scattare le indagini culminate con gli arresti dei suoi sfruttatori.

Tre dei quattro arrestati sono stati arrestati a Taranto dagli agenti della squadra Mobile della cittadina pugliese.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684