Ekipe Orizzonte, il racconto dalla coach Miceli: "Ecco il momento chiave"

L’impresa dell’Ekipe Orizzonte raccontata dalla coach Miceli: “Ecco il momento chiave”

Web-al

L’impresa dell’Ekipe Orizzonte raccontata dalla coach Miceli: “Ecco il momento chiave”

Gianluca Virgillito  |
martedì 24 Maggio 2022 - 17:57

Ai microfoni di QdS.it le dichiarazioni di Martina Miceli e Valeria Palmieri, coach e capitano dell'Ekipe orizzonte fresca vincitrice del massimo campionato di pallanuoto femminile

Catania si gode una sua straordinaria eccellenza in ambito sportivo. L’Ekipe Orizzonte fresca vincitrice del massimo campionato di pallanuoto femminile ha confermato una tradizione che ha portato nella bacheca delle rossazzurre ben 22 scudetti nella disciplina. Dopo quattro sfide tiratissime contro le storiche rivali di Padova, le campionesse di Tania Di Mario e Martina Miceli hanno trionfando portando l’ambita Coppa alle falde dell’Etna. Vincere non è mai semplice, soprattutto in stagioni tribolate come quelle intaccate in qualche maniera dalla pandemia, dai contagi e dalle conseguenti assenze dagli allenamenti e dalle partite in vasca. La caparbietà del gruppo e della struttura dirigenziale ancora una volta ha fatto la differenza così come la grande qualità tecnica sia dello staff che del parco giocatrici.

Coach Martina Miceli: “Vincere non è mai naturale”

“Vincere non è mai naturale, ne tantomeno scontato – spiega Martina Miceli ai microfoni di QdS.it -. Ci si prepara a vincere ogni giorno nel lavoro quotidiano. Queste ragazze hanno dimostrato una fame incredibile, non solo durante questi playoff, ma ogni giorno nel voler diventare sempre più brave”.

Un lungo percorso, non sono mancate le giornate storte che hanno permesso alla squadra di ricompattarsi e trovare la quadra giusta per arrivare alla vittoria finale del campionato. “Tutte le partite dei playoff, semifinali comprese, sono state di una intensità incredibile. Non ci si abitua mai a questa tensione: ogni volta è come se fosse la prima! I momenti chiave: sicuramente è stato un momento decisivo quello in cui abbiamo dovuto affrontare la Coppa Campioni e la Coppa Italia, con un organico dimezzato dal Covid. Sono stata orgogliosa di come le ragazze abbiano affrontato un momento così difficile. Inoltre queste occasioni perse ci hanno reso ancora più affamate”.

Il futuro sembra sorridere, il vivaio rossazzurro continua a sfornare talenti invidiabili. “Vedere molte ragazzine nate nel nostro vivaio festeggiare uno scudetto da protagonista è una vittoria impagabile. E vedere sugli spalti i bambini che saranno protagonisti domani – conclude la coach dell’Ekipe Orizzonte – è forse una vittoria ancor più bella”.

Valeria Palmieri: “Nessun segreto, a noi piace lavorare sodo”

Questo scudetto ha un sapore particolare – ammette Valeria Palmieri, capitano dell’Orizzonte Catania -, non ci sono segreti siamo solo disposte a fare sacrifici e a lavorare sodo. Per questo dobbiamo dire grazie a Tania, Martina e la nostra casa, il centro sportivo Ekipe, che ci permette di lavorare bene e in un clima stupendo. Quest’anno nessuno ci dava favorite a causa del ringiovanimento della rosa, ma noi ci abbiamo creduto dall’inizio, dal primo turno di Coppa Italia ci siamo rese conto che potevamo arrivare a vincere il campionato. Questo gruppo era una scommessa a inizio anno, abbiamo età diverse ma l’obiettivo che avevamo prescindeva dalla diversità di età tra componenti della squadra”.

Costruire un progetto vincente presuppone momenti di costruzione in cui non sempre si può riuscire a confermarsi. “Non è sempre così semplice rimanere al vertice – prosegue Palmieri -, abbiamo passato anni difficili, io e Claudia Marletta però ci abbiamo sempre creduto e abbiamo continuato a lavorare con Martina con stima e fiducia reciproca. Grazie alla collaborazione con il centro sportivo, l’Orizzonte ha una casa dove lavorare bene sia con la prima squadra ma soprattutto con le giovanili. Possiamo parlare pertanto di un vero e proprio movimento”.

Vincere nella propria città rende tutto ancora più bello. “Sono catanese, amo Catania e il mio spirito di appartenenza a questa squadra e a questa città è qualcosa di speciale – dice emozionata Valeria Palmieri -. Quando l’Orizzonte chiama Catania e i catanesi si fanno trovare sempre pronti, vedere la piscina Francesco Scuderi stracolma è stata un’emozione indescrivibile. Quest’anno mi sono proprio divertita, ad ogni allenamento, ad ogni partita durante l’anno abbiamo cercato di mettere un mattoncino alla volta. È un gruppo fantastico dentro e fuori dall’acqua – chiosa felice il capitano – che ancora deve crescere tanto e può arrivare lontano”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684