Pensioni, a dicembre bonus sino a 327 euro per alcuni pensionati

Pensioni, a dicembre bonus fino a 327 euro per alcune categorie di pensionati: ecco quali sono

Daniele D'Alessandro

Pensioni, a dicembre bonus fino a 327 euro per alcune categorie di pensionati: ecco quali sono

Redazione  |
lunedì 08 Luglio 2024

Per averne diritto con la pensione di luglio è necessario perfezionare i suddetti requisiti entro il 31 luglio dell’anno di riferimento, oppure entro il 30 giugno per i pensionati della gestione pubblica.

Per alcuni pensionati, a dicembre 2024, è in arrivo un bonus che nel migliore dei casi può arrivare a un importo di circa 272 euro. Trattasi della prosecuzione dei pagamenti della somma aggiuntiva conosciuta come quattordicesima mensilità (disciplinata dall’articolo 5 del decreto legge n. 81 del 2 luglio 2007, convertito con modificazioni dalla legge n. 127 del 3 agosto 2007) dopo la prima tranche scattata lo scorso 1 luglio.

I requisiti

Per avere diritto alla quattordicesima mensilità bisogna soddisfare tre differenti requisiti:

  • essere titolari di pensione (non sono ammessi i trattamenti assistenziali, mentre spetta sulle pensioni indirette di reversibilità);
  • aver compiuto 64 anni;
  • avere un reddito inferiore a 2 volte il trattamento minimo.

Per averne diritto con la pensione di luglio è necessario perfezionare i suddetti requisiti entro il 31 luglio dell’anno di riferimento, oppure entro il 30 giugno per i pensionati della gestione pubblica. Quando invece i requisiti richiesti vengono soddisfatti successivamente, ma comunque entro la fine dell’anno di riferimento, il pagamento avviene nel mese di dicembre. Questo vale, ad esempio, per coloro che compiono i 64 anni dopo il 1° agosto, oppure per chi matura il diritto alla pensione successivamente a questa data. Per loro, a patto che soddisfino il requisito reddituale, la quattordicesima non è persa, visto che il pagamento avverrà contestualmente al cedolino di dicembre.

L’importo

Per avere diritto all’importo pieno della quattordicesima, tuttavia, serve che i requisiti previsti risultino soddisfatti alla data del 1° gennaio dell’anno a cui fa riferimento la quattordicesima. Al contrario, ad esempio per chi acquisisce il diritto alla pensione dopo il 1° gennaio, come pure per chi compie 64 anni nel corso dell’anno, l’importo della quattordicesima viene ricalcolato tenendo conto del numero di mesi in cui i suddetti requisiti risultano soddisfatti.

Esempi di calcolo di quattordicesima pagata a dicembre

L’importo della quattordicesima varia a seconda di determinati fattori, quali:

  • gestione di competenza del pensionato;
  • anni di contributi versati;
  • reddito percepito.

Per il 2024, gli importi possono essere sintetizzati dalla seguente tabella:

REDDITO LAVORATORI DIPENDENTI LAVORATORI AUTONOMI IMPORTO QUATTORDICESIMA
Inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo (quindi fino a 11.672,89 euro)
fino a 15 anni di contributi fino a 18 anni di contributi 437 euro
tra i 15 e i 25 anni di contributi tra i 18 e i 28 anni di contributi 546 euro
oltre i 25 anni di contributi oltre i 28 anni di contributi 655 euro
Da 1,5 a 2 volte il trattamento minimo (15.563,86 euro)
fino a 15 anni di contributi fino a 18 anni 336 euro
tra i 15 e i 25 anni di contributi tra i 18 e i 28 anni di contributi 420 euro
oltre i 25 anni di contributi oltre i 28 anni di contributi 504 euro

Tuttavia, come visto sopra, i suddetti importi vengono ricalcolati per coloro che alla data del 1° gennaio non soddisfano ancora i requisiti richiesti. Nel migliore dei casi, quindi chi è iscritto alla Gestione privata ed Enpals e matura i requisiti per la quattordicesima ad agosto, beneficia quindi di 5 ratei (da agosto a dicembre): per chi avrebbe diritto al massimo dell’importo, ossia un pensionato con reddito inferiore a 11.672,89 euro con oltre 25 anni di contributi (28 anni nel caso dei lavoratori autonomi), avrà diritto a un “bonus” di circa 272 euro. Nel caso di un pensionato della Gestione pubblica, che quindi a dicembre potrebbe avere fino a 6 ratei (da luglio a dicembre) della quattordicesima, l’importo atteso può essere di massimo 327 euro (circa). Prendiamo come esempio un pensionato che a settembre 2024 compie 64 anni di età, con un reddito annuo di 10.000 euro (quindi meno di 1,5 volte il trattamento minimo) e con 20 anni di contributi. Per questo l’importo pieno della quattordicesima, a cui però avrà diritto solamente dal 2025, è di 546 euro; questo verrà dunque riparametrato in base al numero di mesi del 2024 in cui risultano soddisfatti i requisiti previsti, ossia per quattro sole mensilità. Applicando la formula, ne risulta che la quattordicesima, pagata a dicembre prossimo, avrà un importo pari a circa 182 euro.


Iscriviti gratis al canale WhatsApp di QdS.it, news e aggiornamenti CLICCA QUI

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017