Piazza Armerina, solidarietà al sindaco dopo le minacce - QdS

Piazza Armerina, solidarietà al sindaco dopo le minacce

redazione

Piazza Armerina, solidarietà al sindaco dopo le minacce

sabato 18 Aprile 2020 - 00:00
Piazza Armerina, solidarietà al sindaco dopo le minacce

Dura condanna espressa dai rappresentanti dell’Amministrazione e del Consiglio comunale. Il primo cittadino piazzese è stato vittima di insulti e intimidazioni sui propri profili social

PIAZZA ARMERINA (EN) – Dopo i brutti episodi dei giorni scorsi, non si è fatta attendere la presa di posizione congiunta da parte di Amministrazione e Consiglio comunale, che hanno espresso “ferma condanna e piena solidarietà al sindaco Nino Cammarata, per le gravissime minacce e intimidazioni ricevute tramite video messaggi postati su Facebook, file audio, messaggi dattiloscritti sempre postati sul noto social network, poi divulgati su WhatsApp negli ultimi giorni”.

Atti intimidatori e attacchi ripetuti che promettono, rasentando l’atteggiamento mafioso, percosse e gravi conseguenze fisiche al primo cittadino, neo padre di una bimba di pochi mesi. Atti su cui le autorità preposte hanno già iniziato a indagare.

“Tali messaggi gravissimi – hanno evidenziato Giunta e Consiglio – che vilipendono le istituzioni e istigano alla violenza criminale, creano sconforto e disagio in una già pesante situazione, dovuta alla pandemia e alla quarantena che questa Amministrazione guidata dal sindaco Cammarata, sta affrontando al limite della sicurezza personale e dello stremo delle forze con i dirigenti tutti. Il rispetto delle istituzioni che rappresentiamo e della nostra dignità non può essere calpestato e messo in dubbio da atti criminali del genere, istigati, quantomeno moralmente, da beceri attacchi politici, del tutto inaccettabili in un momento in cui l’unione è la sobrietà dovrebbero guidare la condotta di tutti, a maggior ragione di chi riveste cariche pubbliche”.

“Siamo certi – hanno sottolineato ancora i rappresentanti istituzionali – che le Forze dell’ordine e la magistratura sapranno porre rimedio e sapranno contenere queste inqualificabili azioni, specialmente in un clima delicato e di tensione che tutti stiamo attraversando. Tali intimidazioni seguono a pretestuose e infondate comunicazioni, a notizie di costituzione di gruppi a difesa di non si comprende cosa, additando responsabilità inesistenti al sindaco e all’Amministratore tutta, oggi anche in relazione all’affidamento dei servizi di confinamento per i convalescenti Covid clinicamente guariti, presso una struttura alberghiera sita in una contrada di Piazza Armerina, su cui lo stesso sindaco ha assunto una posizione critica e intransigente”.

“Ci rivolgiamo al popolo piazzese – hanno concluso assessori e consiglieri – invitandolo a stare attorno al primo cittadino, schermando con uno scudo di rispetto e vicinanza la figura che più ci rappresenta e protegge, esortandolo a respingere e denunciare alle autorità atti che spingono all’odio, all’allarmismo, e segnalando ogni focolaio di minaccia, per proteggere cosi non solo la giustizia ma anche l’incolumità di chi ci amministra”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684