Primo maggio, vanno bene agriturismo, bar e ristoranti - QdS

Primo maggio, vanno bene agriturismo, bar e ristoranti

redazione web

Primo maggio, vanno bene agriturismo, bar e ristoranti

lunedì 03 Maggio 2021 - 06:07

Secondo i dati elaborati da Coldiretti nel week end trecentomila prenotazioni negli agriturismo e al lavoro centoquarantamila esercizi di ristorazione, circa la metà. Le industrie della filiera

Quasi centoquarantamila bar e ristoranti sono tornati al lavoro nel fine settimana del primo maggio e più di trecentomila persone hanno scelto di trascorrere il fine settimana negli agriturismo: è quanto indicano i dati elaborati da Coldiretti.

“Hanno riaperto nel fine settimana circa la metà dei servizi di ristorazione totali, con i posti all’aperto dei locali, che sono però molti meno rispetto a quelli al coperto”, osserva l’organizzazione in una nota.

Le difficoltà maggiori si sono rilevate nelle città e resta “limitativo per tutti” il coprifuoco alle 22,00 poiché gli agriturismo sono situati nelle aree rurali e ci vuole tempo per raggiungerli dalle città”.

Le riaperture di bar e ristoranti del weekend, prosegue la nota, “rappresentano circa l’80% del fatturato settimanale tagliato dallo smart working e dalle difficoltà del turismo”: un beneficio che “si trasferisce a cascata sull’intera filiera”, colpita con un milione e cento tonnellate di cibi e di vini invenduti dall’inizio della pandemia.

Nell’attività di ristorazione, prosegue la nota, “sono coinvolte settantamila industrie alimentari e settecentoquarantamila aziende agricole lungo la filiera. impegnate a garantire le forniture per un totale di tre milioni e seicentomila posti di lavoro”.

“Si tratta – prosegue la Coldiretti – di difendere la prima ricchezza del Paese con la filiera agroalimentare nazionale che vale 538 miliardi, ossia il 25% del Pil nazionale”.

Per quanto riguarda gli agriturismo, l’appuntamento del primo maggio era “molto atteso, dopo che le chiusure a singhiozzo dall’inizio della pandemia hanno tagliato i redditi degli operatori agrituristici con perdite di fatturato stimate alla Coldiretti in un miliardo e duecento milioni di euro”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x