Raccolta differenziata a Catania, nel 2020 l'origine del disastro - QdS

Raccolta differenziata a Catania, nel 2020 l’origine del disastro

web-sr

Raccolta differenziata a Catania, nel 2020 l’origine del disastro

Salvatore Rocca  |
lunedì 04 Luglio 2022 - 18:55

Si tratta del dato che emerge dall'ultimo report "Ambiente Urbano" elaborato dall'Istat per quanto riguarda l'anno 2020. Nella città dell'elefante un pessimo dato per la raccolta differenziata

È Catania la città italiana dove nel 2020 si è registrato il decremento maggiore di quota di raccolta differenziata rispetto all’anno precedente.

A comunicarlo è l’Istat, attraverso il report “Ambiente Urbano” pubblicato oggi sul proprio sito ufficiale.

Differenziata a Catania, il dato dell’Istat

L’Istituto Nazionale di Statistica fa notare, infatti, che nell’anno contraddistinto dalla pandemia da Covid-19 il capoluogo etneo ha toccato un dato negativo del -4,9%, il peggiore tra tutti i Comuni capoluogo della penisola.

Ma se “Atene” piange, “Sparta” sicuramente non ride. Palermo è infatti l’altra grande città della nostra Regione dove si riscontra un risultato spiacevole, con un crollo del -2,7% nel giro di 12 mesi.

Siracusa e Messina realtà virtuose

Nella nostra Isola ci sono comunque delle realtà virtuose. È il caso di Siracusa, dove nel 2020 è stato registrato il dato a dir poco sorprendente del +20,4%.

Tra le città metropolitane vi è il buon esempio della città di Messina che riesce a strappare un incoraggiante +10,4%.

Raccolta differenziata, Sud e Isole arrancano

Complessivamente, sono 37 i capoluoghi italiani dove la quota di raccolta differenziata si è attestata al di sotto delle aspettative. Sale a 56, invece, il numero delle città dove è stato superato il target del 65%.

Nel quadro generale, il Sud e le Isole continuano a essere fanalini di coda per quanto riguarda le quote di raccolta differenziata.

Secondo l’Istat, infatti, queste due aree d’Italia la quota si attesta rispettivamente al 43% e al 32%. Il valore più alto viene toccato nel Nord-Est, con il 67,7%.

Raccolta differenziata, le quote più raccolte

In merito ai materiali raccolti, la frazione organica è la quota maggiore accumulata in maniera differenziata, pari al 34,5%. In seconda posizione si trovano poi la carta con il 24,9% e il vetro, con il 12,5% di raccolta differenziata.

In merito ai capoluoghi di città metropolitana si registrano, invece, dei dati differenti. In questo caso è la carta a conquistare la prima posizione (29,9%). Seguono frazione organica (28,8%) e vetro (14,3%).

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684