Reddito cittadinanza, oltre 35 mila domande, le percentuali più alte a Militello e S.M. Licodia - QdS

Reddito cittadinanza, oltre 35 mila domande, le percentuali più alte a Militello e S.M. Licodia

Desiree Miranda

Reddito cittadinanza, oltre 35 mila domande, le percentuali più alte a Militello e S.M. Licodia

martedì 06 Agosto 2019 - 07:00
Reddito cittadinanza, oltre 35 mila domande, le percentuali più alte a Militello e S.M. Licodia

San Gregorio, Battiati e Aci Bonaccorsi tra i comuni con minori richieste rispetto ai residenti

CATANIA – Sono poco più di 35 mila le domande per il reddito o la pensione di cittadinanza presentate e accolte, nel mese di luglio, dai cittadini residenti nella provincia di Catania. I numeri sono stati diffusi dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, Inps.

Dei 58 Comuni della provincia, la maggior parte si attesta intorno a una percentuale che rappresenta circa il 2,5 per cento della popolazione residente. Solo nove Comuni rimangono sotto la soglia del due per cento e sedici superano quella del tre. Di quest’ultimi, sette, compreso il Comune capoluogo di provincia, superano la soglia del quattro per cento della popolazione residente che ha chiesto un aiuto economico allo Stato per le esigenze giornaliere.

In particolare, sono due i Comuni che in proporzione hanno avuto il maggior numero di richieste, pari a circa il 4,5 per cento. Si tratta di Militello in Val di Catania con 330 richieste accolte e Santa Maria di Licodia con 353. Tra le città in cui le domande sono più numerose ci sono poi: Ramacca con 483 domande pari al 4.46 per cento; San Michele di Ganzaria con 142 richieste pari al 4.44 per cento; Mirabella Imbaccari con 200 richieste accolte pari al 4.27 per cento, Catania con 13 mila 71 richieste pari al 4.19 per cento e Castel di Iudica con 180 domande pari al quattro per cento.

Tra i Comuni della provincia etnea i cui residenti hanno fatto meno richieste, nel mese di luglio, quello con la percentuale più bassa è Mazzarrone. Qui le domande sono state 52 corrispondenti all’1.29 per cento dei 4.026 residenti. Con solo una richiesta in più, 53, pari all’1.41 per cento della popolazione, subito dopo troviamo Maniace. Con 170 richieste pari all’1.43 per cento degli 11.811 residenti, segue San Gregorio di Catania. A Sant’Agata Li Battiati sono state presentate e accolte 161 domande corrispondenti al1’1.71 per cento; a Maletto 65 domande pari all’1.72 per cento; a Randazzo si contano 191 richieste pari all’ 1.78 per cento dei 10712 residenti. Con, rispettivamente, 56 e 58 domande, pari all’1.82 e all’1.85 per cento della popolazione, troviamo Licodia Eubea e Castiglione di Sicilia. Chiude la trance dei Comuni sotto il due per cento Aci Bonaccorsi con l’1.97. i tratta di 70 domande accolte su un totale di 3548 cittadini.

Sia il Reddito che la Pensione di cittadinanza sono misure economiche a sostegno e integrazione dei redditi familiari. Misure che si chiamano pensione di cittadinanza se il nucleo familiare è composto esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore a 67 anni. Come stabilito dal Decreto legge numero quattro del 2019, i cittadini hanno avviato le prime richieste a partire dal 6 marzo 2019 e al contempo si sono impegnati a seguire un percorso personalizzato di inserimento lavorativo e di inclusione sociale.

La misura, infatti, nasce come politica attiva del lavoro a garanzia del diritto all’occupazione, di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. I requisiti per accedervi sono stati espllicitati con la legge 28 marzo 2019, n. 26, con cui è stato convertito in legge il Decreto.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684