Ricominciare a vivere - QdS

Ricominciare a vivere

Margherita Montalto

Ricominciare a vivere

martedì 01 Giugno 2021 - 00:00

Sarà come prima? Nulla ritorna come prima

Ciò che si desidera è ricominciare a vivere, a realizzare progetti, ad uscire, viaggiare, camminare fosse anche senza meta, comunque Vivere. Sarà come prima? Nulla ritorna come prima. Il colpo che abbiamo subito non è stato di poco conto e nel periodo di ripresa si dovranno affrontare situazioni che comporteranno molta fatica. La voglia di riprendere i ritmi è superiore e la sfida sarà importante. Resilienza, piegati ma non spezzati. Per tutti è stato difficile, per molti complicatissimo.

Nuove situazioni dunque sulle quali si investiranno energie, quelle accantonate e accumulate durante il periodo buio. Ci si troverà a confrontarsi con un nuovo modo di essere, diverso nel bene e nel male, anche stanco, ma la ripresa è d’obbligo. Ripresa economica, sociale e psicologica. Proprio con questa dobbiamo avere a che fare. Il benessere psicologico è perno attorno a cui ruota tutto il resto, Mens sana in corpore sano. Ed è rilevato che sono tantissime le persone che chiedono il supporto dello psicologo. Ansia, attacchi di panico e depressione sono i disagi che stanno affliggendo molte persone, dalle più giovani alle persone adulte, disagi scaturiti da solitudine, difficoltà economiche, preoccupazioni di varia natura.

E si aggiungono disagi nuovi importanti come non riuscire ad affrontare la ripresa. Non sottovalutare il campanello d’allarme e intervenire prima che gli eventi sfuggono e diventa poi più complicato tirarsene fuori. Il bisogno di liberarsi dalla depressione, dal senso di stanchezza deve essere regolato da un approccio che porti alla risoluzione del problema e un “fai da te” a volte potrebbe essere controindicato. Con questo non significa sperare in qualcuno che ci motivi, perché bisogna cercare le risposte dentro. Cosa fare allora? Se da soli diventa difficoltoso, l’aiuto dello psicologo farà da supporto per capire meglio ciò che affligge, come superarlo senza timori. Il confronto tecnico permette la canalizzazione delle energie.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684