Riduzione dei consumi energetici, fondi solo per un terzo dei Comuni - QdS

Riduzione dei consumi energetici, fondi solo per un terzo dei Comuni

Rosario Battiato

Riduzione dei consumi energetici, fondi solo per un terzo dei Comuni

venerdì 03 Luglio 2020 - 00:00

Alla Regione chiesti 194 milioni da 152 Enti locali: solo 62 potranno accedere al contributo. Diffuse intanto le indicazioni operative per la redazione dei Piani d’azione (Paesc)

PALERMO – La Regione continua a muoversi sul fronte dell’energia. Nelle scorse settimane tre diversi provvedimenti hanno ulteriormente implementato la macchina della sostenibilità delle amministrazioni pubbliche con fondi ad hoc e indicazioni relative alla stesura dei piani efficientamento energetico e nel campo della legalità per le imprese che operano nel settore.

NUOVI FONDI
Sono stati assegnati più di 71 milioni di euro a 62 comuni in Sicilia per finanziare progetti di risparmio energetico. Si tratta dell’aggiornamento della graduatoria definitiva relativa all’avviso pubblico che prevede la concessione di agevolazioni in favore di enti locali, anche nelle forme associative regolarmente costituite, per la realizzazione di opere pubbliche per promuovere l’adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica.

L’elenco è stato pubblicato sul sito del dipartimento della Programmazione (euroinfosicilia.it) e vede 152 gli enti locali in graduatoria per un importo totale di contributi richiesti pari a 194 milioni di euro. Soltanto 62 potranno accedere direttamente ai finanziamenti per un importo di contributi richiesti pari a quasi 72 milioni di euro. Il bando “Riduzione consumi energetici” prevedeva agevolazioni da 200 mila a 5 milioni di euro per i Comuni siciliani nell’ambito dell’Asse 4 “Energia Sostenibile e Qualità della Vita” del Programma Operativo cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR).

L’IMPORTO DEI PROGETTI
Uno degli interventi più cospicui è andato a Prizzi per circa 3,4 milioni di euro per lavori di adeguamento ottimizzazione e riqualificazione finalizzati al risparmio energetico manutentivo della rete di pubblica illuminazione del comune. Sostanzioso anche il contributo per Nicosia, pari a circa 3,8 milioni di euro, anche in questo caso con destinazione per un progetto per l’adozione di soluzioni tecnologiche al fine di ridurre i consumi energetici della rete di illuminazione pubblica.

UN ACCORDO PER LA LEGALITÀ
L’assessorato all’Energia ha sottoscritto una nuova intesa per la legalità con le nove prefetture siciliane che prevede, tra le novità introdotte, anche la verifica antimafia non solo per l’impresa ma anche per gli eventuali immobili e terreni dove si svolgeranno le attività oggetto dell’autorizzazione. Inoltre, si prevedono anche controlli capillari sui cosiddetti provvedimenti ampliativi.

Il documento riguarderà l’intera filiera delle imprese e permetterà di controllare l’intero processo. In particolare, il raggio d’azione raggiungerà quei settori che nel corso degli ultimi decenni sono finiti proprio sotto la lente d’ingrandimento della magistratura, come rifiuti e rinnovabili.

INDICAZIONI OPERATIVE PER I PAESC
Per incentivare ulteriormente l’attivismo dei comuni siciliani sul fronte della sostenibilità e del risparmio energetico, nella scorsa metà di giugno l’assessorato ha diffuso le Indicazioni operative per la redazione del Piano d’Azione per il Clima e l’Energia sostenibile (Paesc), anche nell’ottica delle politiche di contrasto ai cambiamenti climatici.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684