"No a guerra in Ucraina", alto funzionario abbandona Putin, chi è Chubais - QdS

“No a guerra in Ucraina”, alto funzionario abbandona Putin, chi è Chubais

Ivana Zimbone

“No a guerra in Ucraina”, alto funzionario abbandona Putin, chi è Chubais

mercoledì 23 Marzo 2022 - 16:03

Anatoly Chubais, economista, si è dimesso ed è fuggito in Turchia. Quelli "come lui" sono considerati da Putin "traditori o feccia".

L’inviato della Russia per il clima, Anatoly Chubais, ha rassegnato le sue dimissioni e ha lasciato il Paese dicendosi contrario alla guerra contro l’Ucraina. Si tratta del più alto funzionario ad aver pubblicamente voltato le spalle al presidente russo Vladimir Putin dall’inizio del conflitto lo scorso 24 febbraio.

Chi è Anatoly Chubais

Chubais, economista dell’Università di Leningrado, è considerato l’architetto delle riforme in Russia negli anni Novanta. Ex leader del partito liberale e già capo dell’azienda statale per la ricerca nelle tecnologie avanzate Rusnano, 66 anni, è uno dei pochi riformatori a essere rimasto nel governo del presidente russo Vladimir Putin. Almeno fino alle sue dimissioni rassegnate oggi dall’incarico di inviato speciale per il clima che proprio Putin gli aveva assegnato.

La sua fuga in Turchia e il legame con Putin

La notizia è stata confermata anche dalla Tass, citando fonti vicine a Chubais. Il più alto funzionario russo ad aver pubblicamente voltato le spalle a Putin dopo l’aggressione militare in Ucraina si trova già in Turchia e non ha alcuna intenzione di rientrare in Russia, aggiungono due fonti ben informate al sito Rbc.

Il suo legame con Putin ha una storia antica. E’ stato proprio lui, infatti, a offrire il primo incarico al Cremlino all’attuale presidente russo. E forse anche per questo è riuscito per oltre vent’anni a restare nel governo, quando altre figure di spicco dell’era di Boris Eltsin furono allontanate. Oggi, anche lui, rientrerà in quello che Putin ha definito ‘‘traditori o feccia”, ovvero coloro che si oppongono alle sue decisioni. Ultima la ”operazione speciale” in Ucraina.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684