Sanità: epatite misteriosa bambini, si allarga l'allarme

Sanità: epatite misteriosa bambini, si allarga l’allarme

web-meg

Sanità: epatite misteriosa bambini, si allarga l’allarme

web-meg |
venerdì 15 Aprile 2022 - 14:33

L'Oms sta monitorando i casi di epatite acuta di origine sconosciuta in bimbi sani segnalati dal Regno Unito e da altri Paesi europei. Non ci sono decessi: crescono i numeri e le attività di screening

Si allarga l’allarme per i casi di epatite acuta di origine sconosciuta in bimbi sani segnalati dal Regno Unito. Il fenomeno è “monitorato” dall’Organizzazione mondiale della sanità. Finora nessun decesso. “Sebbene alcuni pazienti siano risultati positivi al Sars-CoV-2 o all’adenovirus, è necessario intraprendere la caratterizzazione genetica dei virus per determinare eventuali associazioni tra i casi”, precisa l’Oms Europa che raccomanda “fortemente” agli Stati di “identificare, indagare e segnalare i potenziali casi”.

L’Oms non raccomanda restrizioni ai viaggi

Al momento, l’organizzazione “non raccomanda alcuna restrizione ai viaggi” nei Paesi dove sono state registrate queste infezioni epatiche con causa ignota: oltre al Regno Unito, anche Irlanda e Spagna.

L’Oms – spiega l’Ufficio europeo dell’agenzia – il 5 aprile è stata informata di 10 casi di epatite acuta grave di origine sconosciuta in bambini under 10 (11 mesi-5 anni) nella Scozia centrale. L’8 aprile nel Regno Unito erano stati identificati 74 casi, compresi i 10 scozzesi.

Sono state potenziate le attività di screening

“I virus dell’epatite A, B, C, E e D sono stati esclusi dopo i test di laboratorio, mentre sono in corso ulteriori indagini per comprendere l’eziologia di questi casi”, evidenzia l’Oms. “Dato l’aumento dei casi segnalati nell’ultimo mese e il potenziamento delle attività di screening, è probabile che nei prossimi giorni verranno segnalati più casi. Dopo le prime avvisaglie nel Regno Unito – ricostruisce ancora l’Oms Europa – casi di epatite acuta di origine sconosciuta nei bimbi sono stati registrati anche in Irlanda, meno di 5 (confermati o possibili). Ma anche in Spagna sono stati segnalati 3 casi confermati in bambini di età compresa tra 22 mesi e 13 anni. Le autorità locali stanno attualmente indagando su questi casi”.

Dei 10 casi scozzesi notificati il 5 aprile dall’International Health Regulations (Ihr) National Focal Point (Nfp), “9 bambini hanno manifestato sintomi a marzo, mentre uno ha manifestato sintomi a gennaio – dettaglia l’Oms Europa – I sintomi includevano ittero, diarrea, vomito e dolore addominale. Tutti i 10 casi sono stati rilevati durante il ricovero in ospedale”. All’11 aprile non è stato registrato nessun decesso.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001