Sanremo 2022, le pagelle della terza serata - QdS

Sanremo 2022, le pagelle della terza serata

web-mp

Sanremo 2022, le pagelle della terza serata

Sandy Sciuto  |
venerdì 04 Febbraio 2022 - 07:28

La classifica generale dopo la terza puntata del Festival di Sanremo 2022 vede Mahmood e Blanco scavalcare Elisa. Sorpresa Gianni Morandi sul podio

La terza serata del Festival di Sanremo è stata dedicata al secondo ascolto delle venticinque canzoni in gara

Dopo la prima classifica ottenuta con i voti della Sala Stampa, è stata la volta del pubblico da casa indicare la propria preferenza. E il confronto tra le classifiche fa capire quanto vi siano divergenze di vedute, ma su alcuni brani un’assoluta e indiscussa certezza

Lo spettacolo è stato arricchito da Cesare Cremonini e da Roberto Saviano. A fianco del direttore artistico e conduttore Amadeus, la co – conduttrice Drusilla Foer. 

Non potevamo esimerci da mettere i voti dopo aver riascoltato le canzoni e aver iniziato a canticchiare alcuni ritornelli. Ammettiamo che inevitabilmente su alcune abbiamo cambiato idea. Assaporare le canzoni più volte fa questo effetto. Via alle pagelle. Come sempre, nulla di personale. 

Drusilla Foer

Finalmente una co-conduttrice che ha incarnato totalmente questo ruolo in questa edizione del Festival di Sanremo. Ironica, spontanea, leggera e immensamente intelligente. Appena arriva sul palco, Drusilla mette in chiaro qual è il suo ruolo e mette al suo posto Amadeus chiamandolo “coso”. Ogni suo momento ha colore, ritmo e sa intrattenere. Il Teatro Ariston è tutto di Drusilla. Standing ovation. Voto 9

SCOPRI I VOTI ALLE CANZONI E AI CANTANTI CHE SI SONO ESIBITI NELLA TERZA SERATA

Giusy Ferreri – “Miele”

A Giusy Ferreri il compito di aprire la gara. Se la canzone diventa più riconoscibile, allo stesso tempo non ha il dono di attraversare chi la ascolta, rimanendo anonima. Lo stesso può dirsi per la performance, anche se rivedere il vuvuzela sul palco mette sempre curiosità e allegria. Voto 4,5

Highsnob & Hu – “Abbi cura di te”

Per la loro prima volta insieme, i due artisti hanno portato sul palco dell’Ariston una canzone davvero bella per testo ed arrangiamento. Al secondo ascolto, l’interpretazione e la magia dell’unione delle loro voci aumentano. Voto 6,5

Fabrizio Moro – “Sei tu”

Confermiamo che per il ritorno al Festival di Sanremo, Fabrizio Moro ha scelto una canzone bellissima che ha una profondità e un’intensità senza eguali. È vero che ci si ritrova a pensare che Moro ha quell’incredibile capacità di rimanere sempre uguale a se stesso, ma per noi è una qualità, non un difetto. Voto 8

Aka7even – “Perfetta così”

La canzone è molto radiofonica e anche ballabile. L’entusiasmo della platea in teatro lo comprendiamo, ma a parte il ritmo, “Perfetta così” non ha molto altro facendo affidamento sulla ripetizione di una parola per portare a casa il risultato. Niente podio per Aka7even. Voto 2

Massimo Ranieri – “Lettera di là del mare”

Al secondo ascolto, Massimo Ranieri si riscatta ed emoziona con un’interpretazione e una vocalità inimitabile. Il palco dell’Ariston non ha segreti per lui e le imperfezioni della prima performance sono dimenticate. Voto 7,5

Dargen D’Amico – “Dove si balla”

È la colonna sonora perfetta per decidere di prendere un volo di sola andata e andare ad aprire un chiringuito. Energia, ottimismo e vitalità in una canzone tutta da ballare con la testa senza pensieri e la voglia davvero di fregarsene. Voto 7

Irama – “Ovunque sarai”

Performance magistrale e canzone che attraversa già dalla prima strofa. Una scelta controcorrente per Irama che scegliendo di rischiare, ha fatto la cosa migliore per questo Festival. Voto 8,5

Ditonellapiaga e Rettore – “Chimica”

Non è una questione di chimica, ma solo di bravura, complicità e divertimento se le due artiste sin dalla prima esibizione sanno coinvolgere, sconvolgere e venir voglia di divertirsi. Sarà onnipresente nelle prossime settimane e menomale. Voto 7,5

Michele Bravi – “Inverno dei fiori”

Applausi meritatissimi per Michele Bravi. La sua canzone è un inno al non aspettarsi niente e all’imparare la felicità. Buona interpretazione così come la presenza scenica. Voto 8

Rkomi – “Insuperabile”

Orecchiabile e travolgente si palesa essere la canzone di Rkomi. Siamo certi che saprà dire la sua nelle classifiche di vendite e streaming, ma non nel podio del Festival. Voto 5

CONTINUA A SCOPRIRE I VOTI ALLE CANZONI E AI CANTANTI IN GARA AL FESTIVAL

Mahmood & Blanco – “Brividi”

Straordinari, incredibili, meravigliosi. Sintonia di voci e di anime perfetta. Canzone che anche al secondo ascolto emoziona da subito. E c’è presenza scenica, capacità comunicativa e grande interpretazione. È da podio. Voto 9,5

Gianni Morandi – “Apri tutte le porte”

Confermiamo quanto scritto per la prima esibizione. Morandi si mette in gioco con una canzone vivace e con un bel messaggio di ottimismo e vitalità. Non si risparmia sul palco e dà il massimo come ha fatto in tutta la sua carriera. Voto 8

Tananai – “Sesso occasionale”

Nulla da fare! Performance pessima, anche se la canzone è orecchiabile e al secondo ascolto si fa canticchiare. Manca tutto il resto. Forse non era ancora tempo per Tananai al Festival. Voto 2

Elisa – “O forse sei tu”

Pura magia. Se Elisa è tornata al Festival dopo ventuno anni è perchè aveva una bellissima canzone da regalare con interpretazione profonda. Per noi è da podio. Voto 9,5.

Rappresentante di lista – “Ciao Ciao”

È la più ballata, cantata e protagonista di meme e reel del Festival. Performance trascinante in cui non manca neppure la coreografia per TikTok. Convincono ed entusiasmano. Voto 8

Iva Zanicchi – “Voglio amarti”

Le intenzioni saranno pure buonissime, ma anche al secondo ascolto non convince. Non basta il vibrato e la canzone dichiarazione d’amore. Nulla contro l’artista dalla longeva carriera, ma per noi resta insufficiente. Voto 4

Achille Lauro – “Domenica”

Nulla di nuovo sopra il cielo di Achille Lauro. La canzone è un remake del meglio di tutte le altre hit dell’artista. Il ritornello è accattivante e siamo certi resterà a lungo nelle nostre giornate, ma il podio è una chimera. Il coro gospel è fantastico. Voto 3

Matteo Romano – “Virale”

Una prima volta che forse è stata molto anticipata per il giovane artista diventato virale su TikTok. In questa seconda esibizione, Romano ha più padronanza del palco. È più rilassato e si nota. Il grande problema è la canzone. Peccato. Voto 3

Ana Mena – “Duecentomila ore”

Se è vero che Ana Mena si è sciolta e cerca le attenzioni del pubblico, è una certezza che la canzone non brilla per testo e arrangiamento. Eppure Ana Mena ha una bella voce e una buona presenza scenica. La penalizza il brano. Voto 2,5

Sangiovanni – “Farfalle”

Farfalle è il riassunto delle hit precedenti. Sangiovanni non ha più paura e si lascia andare. Fa bene alla voce e anche alla presenza sul palco. Un brano che già si canticchia. Si paventa l’effetto Malibù. Nulla di nuovo: è questo il guaio. Voto 5

Emma – “Ogni volta è così”

Canzone potente dal significato sempre attuale. Una buona padronanza del palco che fa dimenticare piccole imperfezioni vocali in certi passaggi. Forza comunicativa immediata, suo grande pregio. Voto 6

Yuman – “Ora e qui”

Nella seconda volta sul palco dell’Ariston, la performance di Yuman non dà maggior valore alla canzone che per concetti e musicalità è una delle più belle tra le venticinque in gara. Deludente. Voto 6

Le Vibrazioni – “Tantissimo”

Nulla da fare per Le Vibrazioni. Canzone debole, scarsa comunicazione. È come se ci fosse un dislivello tra le intenzioni del leader e il contenuto del brano. Voto 3

Giovanni Truppi – “Tuo padre, mia madre, Lucia”

Oltre l’una di notte, arriva Giovanni Truppi e porta il suo modo unico di raccontare l’amore. In canottiera nera e una chitarra in mano, poesia e realtà si mescolano ad una melodia quasi sussurrata. Incanto, ancora una volta. Voto 8,5

Noemi – “Ti amo non lo so dire”

È Noemi a cantare per ultima. Non sa dire ti amo, ma noi sappiamo dirle brava. Cattura l’attenzione, sa recitare il brano e conquista pubblico e curiosità. Voto 8

CHI GUIDA LA CLASSIFICA GENERALE GENERATA DA DEMOSCOPICA MILLE E TELEVOTO

La classifica generale dopo la terza puntata del Festival di Sanremo 2022 vede Mahmood e Blanco scavalcare Elisa. Sorpresa Gianni Morandi sul podio. La classifica è l’effetto della somma di televoto, giuria demoscopica e voto della sala stampa.

  1. Mahmood e Blanco
  2. Elisa
  3. Gianni Morandi
  4. Irama
  5. Sangiovanni
  6. Emma
  7. Massimo Ranieri
  8. Fabrizio Moro
  9. La rappresentante di lista
  10. Dargen D’Amico
  11. Michele Bravi
  12. Ditonellapiaga e Rettore
  13. Aka 7even
  14. Achille Lauro
  15. Noemi
  16. Rkomi
  17. Matteo Romano
  18. Iva Zanicchi
  19. Giovanni Truppi
  20. Highsnob e Hu
  21. Giusy Ferreri
  22. Le Vibrazioni
  23. Yuman
  24. Ana Mena
  25. Tananai

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684