L’Isola-immondezzaio manda i rifiuti nel termovalorizzatore… ma in Olanda - QdS

L’Isola-immondezzaio manda i rifiuti nel termovalorizzatore… ma in Olanda

redazione

L’Isola-immondezzaio manda i rifiuti nel termovalorizzatore… ma in Olanda

Gabriele D'Amico  |
venerdì 12 Agosto 2022 - 06:30

Musumeci si è dimesso e non c’è ancora il bando per i due termoutilizzatori promessi lo scorso anno. Intanto la Sicula Trasporti è stata autorizzata a portare la spazzatura a Rotterdam a caro prezzo

PALERMO – Musumeci ha mantenuto le sue promesse: entro tre anni (da giugno 2021) i rifiuti siciliani saranno recuperati energeticamente. Peccato che l’operazione avverrà in Olanda e di termocombustori in Sicilia non c’è nemmeno l’ombra. Probabilmente l’ultimo atto (che peserà direttamente sulle tasche dei cittadini) di un governo dimissionario che ha perso l’occasione di strappare l’affare dei rifiuti dalle mani dei signori delle discariche.

Sicula Trasporti regina dei rifiuti: gestirà il trasporto all’estero fino a luglio 2023

Porta la data del 9 agosto il decreto a firma del dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti, Calogero Foti, che autorizza la Sicula Trasporti Spa (azienda di proprietà dei fratelli Antonello e Salvatore Leonardi attualmente in amministrazione giudiziara) a trasportare i rifiuti che escono dall’impianto di trattamento meccanico biologico di proprietà dell’impresa fino all’impianto di termocombustione della Holdig AVR-Afvalverwerkig BV a Rotterdam, in Olanda.

“Nel nostro ultimo incontro – commenta il presidente della Srr di Catania, Francesco Laudani – l’assessore Baglieri mi aveva detto che aveva avuto un incontro a Roma dove il Governo nazionale dava indicazioni precise: prima conferire a livello regionale e, solo quando le discariche sono tutte sature, si può mandare tutto fuori”. Un decreto passato nel silenzio che di fatto bypassa la gara d’appalto per individuare un’azienda disponibile al trasporto fuori regione dei rifiuti dei circa 200 comuni che conferiscono a Sicula che inizialmente doveva essere pubblicata dal Dar, poi dalle Srr… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684