Spacciava ai minori di Ibla, extracomunitario allontanato dalla Sicilia - QdS

Spacciava ai minori di Ibla, extracomunitario allontanato dalla Sicilia

web-mp

Spacciava ai minori di Ibla, extracomunitario allontanato dalla Sicilia

web-mp |
venerdì 11 Febbraio 2022 - 09:05

Aveva avviato una proficua attività di spaccio nel cuore barocco di Ragusa Ibla rifornendo di stupefacenti numerosi giovani iblei, anche minorenni, e per questo un ventenne extracomunitario residente in città è stato deferito all’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Ragusa.

I fatti iniziano a fine novembre dello scorso anno allorquando i Carabinieri di Ragusa Ibla iniziano a notare strani movimenti nelle zone tra via Peschiera e piazza Duomo ad opera di un cittadino extracomunitario. Anche la raccolta di informazioni di varie fonti permette ai militari di attenzionare con particolare riguardo il giovane fino ad avviare una vera e propria attività d’indagine, di concerto con la locale Procura.

Le accurate ricostruzioni effettuate anche attraverso l’analisi delle immagini di videosorveglianza presenti sui luoghi dello spaccio, i riscontri effettuati a carico dei giovani assuntori, che dall’extracomunitario acquistavano hashish e marijuana, unitamente allo studio del traffico telefonico di spacciatore e clienti hanno permesso ai Carabinieri di corso don Minzoni di cristallizzare inequivocabilmente la condotta criminosa. Il ventenne è stato quindi deferito in stato di libertà per quanto previsto dall’articolo 73 del testo in materia di sostanze stupefacenti che punisce appunto la condotta dispaccio.

Gli elementi raccolti durante le indagini dai militari iblei sono stati ritenuti solidi e convincenti dal Pubblico Ministero che ha quindi richiesto una misura cautelare a carico del giovane africano per impedirgli di reiterare la condotta illecita. La proposta è stata accolta dal Giudice per le indagini preliminari che ha emesso il provvedimento del divieto di dimorane all’ambito della regione Sicilia nei confronti del ventenne. In seguito alla notifica del provvedimento il soggetto ha lasciato immediatamente l’isola.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684