Storia, cultura, sport e un mare indimenticabile sono i tanti tesori della multiculturale Umago - QdS

Storia, cultura, sport e un mare indimenticabile sono i tanti tesori della multiculturale Umago

Nicoletta Fontana

Storia, cultura, sport e un mare indimenticabile sono i tanti tesori della multiculturale Umago

martedì 04 Giugno 2019 - 00:00
Storia, cultura, sport e un mare indimenticabile sono i tanti tesori della multiculturale Umago

Il luogo ideale in cui trascorrere le vacanze estive, sia per un romantico viaggio di coppia che per una gita in famiglia

Umago è la prima città istriana che accoglie il visitatore quando arriva in Croazia. Da sempre famosa per il suo mare cristallino e le rocciose spiagge immerse nelle pinete, è il luogo ideale per trascorrere vacanze estive sia in coppia che in famiglia.

La piccola cittadina si pregia di essere la più multiculturale della Croazia per le numerose dominazioni che si sono susseguite nei millenni e, non a caso, fu scelta dai romani per farne il loro luogo di villeggiatura. Ed è anche un punto di riferimento per gli sportivi, perché ospita dal 1990 il Torneo internazionale di tennis Apt Croatia open – nello stadio vicino al villaggio turistico di Stella Maris – e per i tanti percorsi segnalati da percorrere in bicicletta o a piedi.

Muovendosi tra i vicoli del centro storico si respira un’atmosfera tutta veneziana, in un luogo ricco di reperti ben conservati come le mura romane, le antiche torri e le case nobiliari. Sono tante le curiosità da non perdere. Guardando in alto sulle facciate di alcune vecchie dimore è possibile notare le particolari mensole di pietra forate che in passato servivano a stendere le lenzuola ricamate durante le feste religiose e utilizzate in estate per ripararsi dal caldo.

Il porto è un susseguirsi di ristoranti di pesce affacciati sulla baia e pullula di negozietti che vendono specialità locali, come l’eccellente olio d’oliva di produzione autoctona, tartufi e sale rosa.

Interessante la Galleria d’arte contemporanea Marin e la piccola gioielleria Njaci Široka, in cui è possibile acquistare monili in finissima filigrana e riproduzioni degli orecchini umaghesi ritrovati negli scavi archeologici del 2004, oggi custoditi nel Museo civico.

Partendo in bicicletta dal porto e costeggiando il mare per nove chilometri si arriva al Faro di Salvore, che come tutte le vecchie costruzioni di questo tipo affascina i visitatori per l’alone di mistero che emana. Durante la passeggiata è consigliato fermarsi ad ammirare le arcaiche e particolari costruzioni in legno poste nelle baie, ancora oggi utilizzate dai pescatori locali, nelle quali vengono appese le piccole barchette per proteggerle dalle mareggiate.

Ma Umago è principalmente mare e spiagge. Prima tra tutte la Polynesia, adatta soprattutto ai giovani e alle famiglie. Qui vengono organizzati vivaci tornei di beach volley ed è il centro di tutti gli sport acquatici. Poco distante si trova la Laguna Stella Maris, ben attrezzata con lettini e ombrelloni, mentre ad appena una decina di chilometri verso la Slovenia si trova una delle baie più belle della costa occidentale: la spiaggia di Kenegra. Circondata da una folta pineta che vi metterà al riparo nelle ore più calde, è un litorale composto da sassi che si affaccia su un mare turchese e trasparente. Da non perdere.

I più esigenti troveranno invece la loro privacy nella spiaggia privata dell’Hotel Kempinski Adriatic, riservata solo ai clienti di questo albergo a cinque stelle affacciato sul mare. Soggiornare al Kempinski vuol dire anche gustare un’ottima cucina, svagarsi con il golf grazie a un campo a 18 buche e rilassarsi nella Spa di 2.000 metri quadri per una “remise en forme” e un totale rilassamento del corpo e della mente.

Un servizio di luxury transfer permette di essere accompagnati ovunque si desideri e quindi consigliamo di cenare nel tipico e accogliente ristorante Konoba Taverna Bušcina. Qui si può avere l’occasione di scoprire tutti i colori e i sapori tipici della cucina istriana, rivisitati in forma contemporanea dalla chef e proprietaria Fabiana Mijanović, tutto innaffiato da un’ottima Malvasia proveniente dalle più prestigiose cantine locali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684