Stromboli: un altro capodoglio trovato morto in Sicilia - QdS

Stromboli: un altro capodoglio trovato morto in Sicilia

redazione

Stromboli: un altro capodoglio trovato morto in Sicilia

domenica 26 Maggio 2019 - 10:33
Stromboli: un altro capodoglio trovato morto in Sicilia

E' il quinto in una settimana. Un esperto smentisce l'ipotesi che siano morti per la plastica ritrovata negli stomaci e pensa che le cause possano essere o un'infezione o i sonar

Un altro capodoglio, della lunghezza di circa sei metri, in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato a quattro miglia al largo di Stromboli, nell’arcipelago delle Isole Eolie.

Si tratta della quinta carcassa di capodoglio trovata in Sicilia in una settimana (nella foto il capodoglio rosa spiaggiato a Lascari, nel Palermitano).

“La quantità di plastica trovata nello stomaco dei capodogli – ha spiegato Carmelo Isgrò del museo della fauna dell’Università di Messina, smentendo un’ipotesi accreditata – non può giustificare la morte. La causa va cercata altrove: forse un’infezione o interazioni con i sonar”.

Il capodoglio, il cui nome scientifico è physeter macrocephalus, ènon è un pesce ma un cetaceo, un mammifero.

E’ conosciuto anche come fisetere, dalla parola greca che indica uno sfiatatoio, per via dell’abitudine a “soffiare” fuori l’aria proprio dal foro posto sulla parte frontale della testa quando si immerge, fino a profondità di 2200 metri, trattenendo il respiro per più di due ore.

Si tratta del più grande animale vivente munito di denti: misura infatti fino a 18 metri di lunghezza.

Il termine “capodoglio” deriva da “capo d’olio” e trae origine dalla sostanza oleo-cerosa presente nel loro cranio per la quale venivano cacciati fino a tempi recenti nell’arcipelago atlantico portoghese delle Azzorre.

L’enorme testa e la forma caratteristica del capodoglio, così come il ruolo centrale che ricopre in Moby-Dick di Herman Melville, hanno consentito a molti di descriverlo come l’archetipo della balena.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684