Studenti in piazza a Catania contro alternanza scuola-lavoro e maturità - QdS

Studenti in piazza a Catania contro alternanza scuola-lavoro e maturità

web-dr

Studenti in piazza a Catania contro alternanza scuola-lavoro e maturità

web-dr |
venerdì 18 Febbraio 2022 - 16:11

Un migliaio di studenti e studentesse sono scesi in protesta, oggi, a Catania come in tantissime altre città d'Italia contro l'alternanza scuola-lavoro e la riemersa maturità. 

Un migliaio di studenti e studentesse sono scesi in protesta, oggi, a Catania come in tantissime altre città d’Italia contro l’alternanza scuola-lavoro e la riemersa maturità. 

Il corteo ha raggiunto gli uffici scolastici del MIUR in via Pietro Mascagni, davanti la cui porta è stata gettata della vernice rossa, simbolo del sangue dei due studenti morti nelle scorse settimane proprio durante degli stage.

 

“Il MIUR e i vari ministri dell’istruzione che si sono succeduti hanno le mani sporche di sangue. Lo diciamo chiarissimo: bisogna abolire l’alternanza introdotta da Renzi.” dichiarano in piazza.

A protestare anche alcuni sindacati degli insegnanti.

«1000 studenti in piazza sono un segnale straordinario. Le nuove generazioni hanno dato una scossa a tutto il paese» – dichiara Diego D’Urso, responsabile scuola catanese del Fronte della Gioventù Comunista (FGC) – «La protesta degli studenti contro l’alternanza scuola-lavoro ha rotto il giocattolo dell’unità nazionale del Governo Draghi. Hanno osato mettere in discussione il Governo, il PNRR che investe nuovi miliardi nell’alternanza, il loro modello di scuola basato su un’ideologia aziendalistica e privatistica.

Per questo il Governo ha cercato di appiattire le proteste sulla “commemorazione” dei due ragazzi morti; hanno parlato di “infiltrati” e “strumentalizzazioni”, hanno spinto le questure a cercare di ostacolare l’autorizzazione delle piazze senza nessuna ragione di ordine pubblico. Gli è andata male. Migliaia di giovani che non si rassegnano a precarietà e assenza di diritti oggi danno un esempio di dignità».

Nei cortei, gli studenti hanno bruciato simbolicamente i simboli di Confindustria, al grido “no alla scuola dei padroni”.

La manifestazione si è conclusa davanti all’USR, dove gli studenti hanno riversato della vernice rossa in memoria di Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684