Imprese: meno manager e meno pagati nel Mezzogiorno - QdS

Imprese: meno manager e meno pagati nel Mezzogiorno

redazione

Imprese: meno manager e meno pagati nel Mezzogiorno

venerdì 07 Giugno 2019 - 08:43
Imprese: meno manager e meno pagati nel Mezzogiorno

C'è un anche forte gap nei compensi: ben 35mila euro in più se si lavora nel settentrione. Lo rivela un rapporto dell'Osservatorio 4.Manager che attribuisce la responsabilità alla crisi economica

Le imprese del Sud “hanno in organico una presenza di manager nettamente inferiore rispetto al Centro Nord”.

E c’è un “forte gap nei compensi: 35mila euro in più se si lavora nel settentrione.

Emerge da una ricerca dell’Osservatorio 4.Manager su dati di Inps, Unioncamere Excelsior e Istat.

L’Osservatorio calcola “il grado di managerialità delle imprese” confrontando le “quote di occupazione” nelle diverse categorie professionali.

L’immagine che vi proponiamo a commento di questa notizia è quella della finale per il centro-sud del Premio giovane manager di Federmanager, l’Associazione maggiormente rappresentativa nel mondo del management.

“Nel Mezzogiorno – si legge intanto sul rapporto – i dirigenti, rispetto al totale della categorie professionali, sono appena il 6% contro il 72% del Nord e il 21% del Centro. I quadri, invece, al Sud sono l’11% contro il 67% del Nord e il 22% del Centro”.

Il rapporto evidenzia che “molto dipende dal forte decremento di figure manageriali causato dalla crisi economica: tra il 2008 e il 2016 le imprese meridionali hanno perso circa 8mila unità, passando da 126.000 a 118.000 dipendenti totali”.

Non mancano “grandi differenze anche per quanto riguarda i compensi: un manager di un’azienda del Nord guadagna in media 144.000 euro lordi l’anno contro i 109.000 di un suo omologo del Sud”, ed un “divario consistente anche in prospettiva: secondo i dati di Unioncamere Excelsior (anno 2017) le entrate previste, per quanto concerne i dirigenti, sono 4.440: di queste 3.540 al Nord, 580 al Centro e solo 320 al Sud”.

Le cause, secondo l’Osservatorio Manager, “risiedono maggiormente nella visione culturale delle aziende meridionali, composte nel 95 per cento dei casi da famiglie che preferiscono distribuire gli incarichi all’interno dei propri nuclei piuttosto che affidarsi a manager esterni”.

Ma incide anche “una disciplina legislativa poco favorevole alle assunzioni e un carico fiscale e retributivo che rende molto complicato, per un’impresa di micro o piccole dimensioni, dotarsi di figure professionali specializzate”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684