"Tang-Cool", Emiliano e Frankie Capone raccontano l'amore universale - QdS

“Tang-Cool”, Emiliano e Frankie Capone raccontano l’amore universale

Ivana Zimbone

“Tang-Cool”, Emiliano e Frankie Capone raccontano l’amore universale

mercoledì 04 Agosto 2021 - 22:02

Emiliano e Frankie Capone in "Tang-Cool" promuovono l'amore universale, abolendo qualsiasi discriminazione.

Nel bel mezzo del dibattito sui diritti per le comunità Lgbtq, Frankie Capone ed Emiliano cantano Tang-Cool, la hit promotrice dell’amore universale e raccontano a QdS.it la loro iniziativa. Perché dove l’uomo divide, la musica unisce.

Dalla rivoluzione sessuale degli anni sessanta a oggi il tentativo di definire il terzo e il quarto sesso in maniera non dispregiativa. Ma i passi in avanti sono ancora pochi per dire definitivamente abolito il tabù sessuale di coloro che amano a prescindere dal sesso. Una riserva che investe tanto il piano giuridico, quanto il piano sociale, e che talvolta, soprattutto per i più giovani, è causa di depressione, alienazione, distanza dal proprio nucleo familiare. Per non parlare poi dell’odio che nei casi più estremi viene rivolto a lesbiche, omosessuali e intersessuali e che frequentemente sfocia in violenza gratuita.

L’OMOSESSUALITÀ IN EUROPA

La linea dettata dall’Europa è abbastanza chiara: l’appartenenza all’Ue esige l’abrogazione delle legislazioni persecutorie degli omosessuali e, con il Trattato di Amsterdam, l’approvazione di legislazioni che regolamentino la questione. Tuttavia, le differenze tra i diversi Paesi sono ancora molte e riguardano soprattutto il riconoscimento dell’unione civile, il matrimonio egualitario e l’adozione dei minori.

Esistono poi gli estremismi. È il caso dell’Ungheria che ha approvato una legge definita anti-Lgbt che, tra le tante disposizioni, fa sì che lo Stato debba “proteggere il diritto dei bambini alla loro identità di genere, intesa come il loro sesso alla nascita” e “proibire che si metta a disposizione di chi ha meno di 18 anni qualsiasi contenuto pornografico o contenuto che rappresenta la sessualità fine a se stessa, o promuove o raffigura deviazioni dall’identità di genere, intesa come il sesso alla nascita, la riassegnazione di genere, o l’omosessualità”.
Un intervento normativo criticato aspramente non solo dai cittadini ungheresi, ma anche dalla stessa Ue che ha sospeso il fondo assegnato al Paese per il Recovery.

LA MUSICA UNISCE: TANG-COOL

Ma la musica che esiste spontaneamente in natura – basta immergersi in un luogo incontaminato per scoprirlo – ed esiste anche come prodotto culturale, restituisce verità e libertà. Può essere composta, cantata, ballata da chiunque, senza differenze di genere, di età, di preferenza sessuale, di ideologia. E lo fa ancora una volta in maniera semplice. Semplice come l’incontro casuale tra Emiliano e Fankie Capone durante una partita di padel.

Da quella coincidenza, una hit che potesse contemporaneamente unire il tango classico, la musica dance, contenuti di rilevanza sociale e necessità di spensieratezza. Emiliano, giovane catanese amante della musica e del ballo che ha vissuto per anni a Londra, ci ha messo l’idea, Frankie Capone – già cantante di successo – è riuscito a realizzarla.

Nasce così Tang-Cool, uscita il 23 luglio scorso e destinata a essere ascoltata e cantata a lungo. Anche per la presenza di quel sax che non si scorda e che è ormai comune denominatore dei tormentoni estivi. L’arrangiamento è del Maestro Salvatore Finocchiaro con il sax del fratello Giuseppe figlio d’arte e con il supervisore musicale Tony Ranno.

Il videoclip, girato a Taormina, promuove una delle tante meraviglie siciliane che attrae un gran numero di turisti tutti gli anni e, ormai, in qualsiasi periodo dell’anno. Proprio su YouTube e sulle piattaforme social, i commenti di coloro che, grazie al Tang-Cool hanno avuto l’opportunità di riflettere e che hanno così confermato a Emiliano e Frankie di essere riusciti nel loro obiettivo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684