Teenager e smartphone: i segnali per riconoscere la dipendenza - QdS

Teenager e smartphone: i segnali per riconoscere la dipendenza

redazione

Teenager e smartphone: i segnali per riconoscere la dipendenza

venerdì 31 Maggio 2019 - 00:00
Teenager e smartphone: i segnali  per riconoscere la dipendenza

Il fenomeno è associato ad ansia e disturbi analoghi. Le ragazze sono 3 volte più esposte al rischio di uso pericoloso dei device

ROMA – Sempre con il telefonino in mano, tra chat, vocali su WhatsApp, aggiornamento dello stato su Istagram, post e boomerang: molti giovanissimi italiani usano lo smartphone in maniera compulsiva. Un pericolo tre volte maggiore per le ragazze. Ma come distinguere la dipendenza dalla semplice abitudine? “La dipendenza è favorita dal facile accesso agli smartphone in qualunque momento della giornata e in ogni luogo, ed è associata a sbalzi d’umore, isolamento, perdita del controllo, ansia, astenia e depressione”, spiegano gli esperti della Società italiana di pediatria, che hanno presentato un Position Statement sui ragazzi da 11 a 17 anni in occasione del 75.mo Congresso italiano di pediatria a Bologna.

In generale, le ragazze sono le più esposte, il rischio per loro è 3 volte maggiore rispetto ai ragazzi perché trascorrono più tempo sui media device soprattutto alla ricerca di maggiori relazioni sociali. I pediatri indicano tre o più comportamenti che sono “spia” di un errato e rischioso utilizzo dello smartphone:
– Difficoltà a resistere all’impulso di utilizzare lo smartphone;
– Irritabilità e ansia durante un periodo di astinenza da smartphone;
– Uso dello smartphone per un periodo più lungo di quanto vorresti;
– Desiderio persistente e/o tentativi falliti di abbandonare o ridurre l’uso dello smartphone;
– Incapacità a staccarsi dallo smartphone;
– Uso eccessivo e prolungato degli smartphone nonostante la conoscenza di un problema fisico o psicologico causato dall’iperconnessione.

Se invece si hanno due o più dei seguenti sintomi è già presente un danno:
– L’uso eccessivo di smartphone comporta persistenti o ricorrenti problemi fisici o psicologici;
– L’uso dello smartphone avviene in una situazione di pericolo fisico (ad es. uso di smartphone mentre si guida o si attraversa la strada) o di rischio di altre conseguenze sulla vita quotidiana;
– L’uso eccessivo dello smartphone compromette le relazioni sociali, i risultati scolastici o le prestazioni lavorative;
– L’uso eccessivo di smartphone “ruba” il tuo tempo.

Ecco infine 10 campanelli d’allarme per genitori e pediatri, per riconoscere il rischio di dipendenza da smartphone negli adolescenti:
– Aumento o perdita di peso
– Mal di testa e mal di schiena
– Disturbi visivi o problemi agli occhi
– Modifiche nei ritmi del sonno
– Scarsa igiene personale
– Connessione online che sostituisce i rapporti dal vivo
– Mancanza di interessi nelle attività della vita quotidiana e incapacità di parlare di cose diverse da quelle che si vedono in internet
– Scarsi risultati scolastici
– Sintomi da astinenza quando il dispositivo è inaccessibile
– Controllo compulsivo delle informazioni online.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684