Trapani, vivere la cultura, rinasce la Casina delle Palme - QdS

Trapani, vivere la cultura, rinasce la Casina delle Palme

Pietro Vultaggio

Trapani, vivere la cultura, rinasce la Casina delle Palme

giovedì 12 Novembre 2020 - 00:00
Trapani, vivere la cultura, rinasce la Casina delle Palme

L’assessore al Lavori pubblici del Comune capoluogo, Safina: “Restituita ai cittadini”. Anni di totale abbandono per lo storico edificio, a breve tornerà di nuovo fruibile

TRAPANI – Avviata la ristrutturazione della Casina delle Palme, uno dei più pregevoli e maestosi esempi dello stile liberty trapanese.

“A breve, l’immobile tornerà ad essere fruibile – commenta Dario Safina, assessore ai lavori pubblici del Comune di Trapani”. La struttura è stata realizzata nel 1922 dall’ingegnere Francesco La Grassa ed è costituita da un palcoscenico e da un corpo separato, adibito negli ultimi anni saltuariamente a punto di informazioni per i turisti. Attualmente è in atto la messa in sicurezza e la ristrutturazione dell’immobile, mentre, per quanto riguarda il palco interno, l’assessore Safina spiega: “Noi abbiamo già il progetto esecutivo, ma siamo in attesa del benestare della Soprintendenza dei Beni Culturali. Parallelamente l’impianto elettrico è stato terminato e, in questi giorni, dovrebbe tornare la luce”.

Anni di totale abbandono per questo storico edificio trapanese, ma adesso l’Amministrazione della città cosa ha intenzione di fare? “L’intenzione è quella di utilizzarla – sottolinea Dario Safina -, in modo tale da dare la possibilità ai cittadini di vivere questo immobile liberty. Terminati i lavori, avvieremo una riflessione e decideremo l’utilità più consona. Sicuramente la Casina delle Palme non rimarrà chiusa”.

Un simbolo, come Torre di Ligny, che accompagna i trapanesi durante le passeggiate estive sul lungomare. “Già l’anno scorso, senza palco, siamo riusciti ad organizzare, grazie alla collaborazione con Gli Amici del Cinema, una stagione cinematografica interessante. A lavori ultimati si potranno realizzare molti eventi culturali”.

Un luogo, quindi, punto di ritrovo per i giovani, ma anche uno spazio dove si potrà fare e vivere di cultura. Dai bombardamenti della seconda guerra mondiale che hanno contribuito alla distruzione del teatro Ferdinandeo prima e Garibaldi poi, Trapani è sprovvista di un teatro, ma questo potrà rappresentare, insieme all’Ente Luglio Musicale, un punto dove l’arte si esprime in tutte le sue forme.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684