Messina, truffa dello specchietto ad anziani: denunciato 43enne - QdS

Truffa dello specchietto agli anziani: denunciato 43enne, “incastrato” dalla videosorveglianza

webms

Truffa dello specchietto agli anziani: denunciato 43enne, “incastrato” dalla videosorveglianza

webms |
mercoledì 29 Giugno 2022 - 16:58

L'uomo denunciato avrebbe utilizzato la "truffa dello specchietto" per ottenere denaro da ignare vittime, spesso anziane. I consigli dei carabinieri per evitare di essere raggirati.

Un 43enne, originario della provincia di Siracusa, con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Messina dai carabinieri della stazione di Roccalumera con l’accusa di truffa aggravata.

Avrebbe usato il famoso “trucco dello specchietto” in più occasioni, soprattutto ai danni di persone anziane.

Il “trucco” dello specchietto e le truffe

Il “trucco” era sempre lo stesso: individuata l’auto e la preda, generalmente una persona anziana, il truffatore rincorreva la vittima fino a fermarla; poi, l’accusava di avergli rotto lo specchietto o ammaccato l’auto.

Per rafforzare la propria tesi, al passaggio della vettura della vittima il truffatore lanciava un piccolo oggetto sulla fiancata per simulare il contatto.

Nei giorni scorsi, un 72enne del luogo ha risarcito il malvivente pagando 50 euro. Solo in un secondo momento, il malcapitato ha intuito di esser vittima di un raggiro e ha sporto denuncia. A incastrare il 43enne le telecamere del sistema di videosorveglianza del paese, che hanno consentito ai carabinieri di Roccalumera di individuare la sua auto.

Come evitare le truffe

Per evitare questo genere di truffe, i carabinieri della compagnia di Messina Sud raccomandano sempre di chiedere la compilazione del modello di “constatazione amichevole”.

A questo punto, generalmente, con la scusa che va di fretta il truffatore chiederà di pagare “cash”. Bisognerà opporsi a quella richiesta e chiamare subito le forze dell’ordine.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684