Turismo, un viaggiatore su due (53%) si muove per gustare cibo e vino - QdS

Turismo, un viaggiatore su due (53%) si muove per gustare cibo e vino

redazione web

Turismo, un viaggiatore su due (53%) si muove per gustare cibo e vino

domenica 09 Febbraio 2020 - 10:38
Turismo, un viaggiatore su due (53%) si muove per gustare cibo e vino

Chiarissimi i dati del Rapporto 2020 diffuso alla vigilia della Borsa internazionale di Milano. I Millennials guidano il trend mentre si affacciano i nuovi "super foodie". Italia al top grazie all'olio e alle città "creative" Patrimonio Unesco. Pizza prodotto trainante

Alla vigilia della Bit, dal 9 all’11 a Milano, emerge il momento d’oro dell’enoturismo.

E dal confronto con i maggiori competitor europei, il quadro è positivo per il Sistema Italia,ai vertici in sette degli indicatori considerati: produzioni di eccellenza, aziende vitivinicole, aziende olearie, imprese di ristorazione, musei del gusto, birrifici e Città Creative Unesco legate all’enogastronomia.

E’ quanto evidenzia il Rapporto sul turismo enogastronomico 2020, presentato da Roberta Garibaldi, docente universitario di Tourism Management, secondo cui cresce l’interesse dei turisti verso l’enogastronomia e i Millennials guidano il trend mentre si affacciano i nuovi “super foodie”, i nati della Generazione Z che già mostrano un alto interesse verso il cibo.

“Dal 2016 si evidenzia un incremento del 12% degli enoturisti nei Paesi occidentali. Il totale di chi ha dichiarato di avere svolto almeno un viaggio con questa motivazione negli ultimi due anni a livello internazionale è pari al 53%” precisa l’autrice del report pubblicato sotto l’egida della World Food Travel Association e l’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico.

I turisti internazionali di tutte le nazionalità mappate (Francia, Regno Unito, Canada, Stati Uniti d’America, Messico e Cina) si definiscono prevalentemente “eclettici” nella scelta delle esperienze, solo per i francesi prevale il tema dell’autentico, del locale e del gourmet.

Dal web emergono alcuni temi su cui puntare: “food truck” – cibo di strada – sono tra le esperienze più vissute e più ricercate sul web, i ristoranti e i bar storici e le dimore storiche sede di aziende di produzione agroalimentare, le visite ai produttori extra vino, e infine i corsi di cucina.

Mentre la pizza emerge come prodotto trainante per il nostro Paese”, conclude Roberta Garibaldi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684