Ultimo Dpcm penalizza esercenti settori abbigliamento e calzature - QdS

Ultimo Dpcm penalizza esercenti settori abbigliamento e calzature

web-dr

Ultimo Dpcm penalizza esercenti settori abbigliamento e calzature

web-dr |
sabato 16 Gennaio 2021 - 19:06

Il presidente di Unimpresa Assoesercenti Sicilia, Salvo Politino, lamenta il mancato inserimento di questi settori nell'elenco degli esercizi che possono restare aperti.

«Nutriamo forti perplessità sull’ultimo DPCM di Conte e ancor di più sulla stretta ulteriore inserita nell’ordinanza regionale firmata dal presidente siciliano Nello Musumeci».

Sono le parole del presidente Unimpresa – Assoesercenti Sicilia, Salvo Politino, a commento delle recenti disposizioni del governo. Il decreto del consiglio dei Ministri, ripreso dalle disposizioni regionali, secondo l’associazione di categoria, penalizza fortemente gli esercenti dei settori abbigliamento e calzature, le cui attività non vengono inserite nell’elenco degli esercizi che possono restare aperti e che trattano beni di prima necessità.

«Anche noi vendiamo merce indispensabile perché c’è freddo e le scarpe si usurano, se non è necessità questa! -. Sbottano Salvatore Adolfo e Salvo Crispi, esercenti del settore moda Unimpresa – Assoesercenti».

È appena cominciata la stagione dei saldi invernali e già le attività commerciali sono costrette ad abbassare le saracinesche nonostante, dal primo giorno di allarme pandemia, si sono adeguate alle disposizioni vigenti, posizionando disinfettanti all’interno dei negozi e consentendo l’ingresso ad un numero limitato di utenti, mentre al supermercato, ad esempio, si sosta per diverso tempo e senza restrizioni sugli avventori.

Inoltre gli esercenti hanno investito denaro per acquistare merce per la prossima stagione, denaro che avrebbero dovuto recuperare dalle vendite attuali. A questo punto i commercianti del settore moda chiedono fortemente un aiuto, se proprio devono attenersi a queste regole, come indennizzi che possano coprire la perdita economica di ogni giorno di chiusura. Oppure si considerino abbigliamento e calzature, non solo quelli per bambini dunque, come beni di prima necessità, visto che il consumatore può trovare approvvigionamento in un qualsiasi supermercato, togliendo così clientela al negozio specializzato.

«Vogliamo essere ascoltati dal presidente della Regione come associazione di categoria – chiede Politino – perché il comparto sta soffocando mentre i debiti dei commercianti si accumulano giorno dopo giorno».

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684