Legge anti-Lgbt in Ungheria, Ue blocca Recovery, Meloni difende Orban - QdS

Legge anti-Lgbt in Ungheria, Ue blocca Recovery, Meloni difende Orban

web-iz

Legge anti-Lgbt in Ungheria, Ue blocca Recovery, Meloni difende Orban

web-iz |
mercoledì 07 Luglio 2021 - 13:05

La legge omofoba ungherese non piace alla Commissione Ue che blocca la valutazione del Recovery per il Paese. Giorgia Meloni, invece, la difende.

La Commissione europea sospende la valutazione del Recovery plan per l’Ungheria che potrebbe non ricevere i 7 miliardi richiesti. La scelta – che potrebbe diventare definitiva entro il 12 luglio – è dovuta all’approvazione della leggi anti-Lgbt entrata in vigore da oggi.

Von der Leyen: “Una legge vergognosa”

“Se l’Ungheria non aggiusterà il tiro la Commissione userà i poteri a essa conferiti in qualità di garante dei trattato – ha dichiarato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al dibattito al Parlamento europeo -. Dobbiamo dirlo chiaramente, noi ricorriamo a questi poteri a prescindere dallo stato membro. I capi di stato e di governo hanno condotto una discussione molto personale ed emotiva sulla legge ungherese, praticamente l’omosessualità viene posta a livello della pornografia, e questa legge non serve alla protezione dei bambini, è un pretesto per discriminare. Questa legge è vergognosa”.

Giorgia Meloni: “Legittimo governo di nazione sovrana”

Una legge, di fatto, difesa da Giorgia Meloni che si è pronunciata così contro Bruxelles: “L’ennesimo inaccettabile ricatto politico contro il legittimo governo di una nazione sovrana, reo di voler difendere le proprie prerogative previste peraltro dai trattati vigenti. Si riempiono la bocca di ‘stato di diritto’ ma poi violano trattati e regolamenti pur di colpire Viktor Orban. E lo chiamano ‘europeismo’”.


Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x