Ust-Cisl Ragusa: “Una crisi senza precedenti” - QdS

Ust-Cisl Ragusa: “Una crisi senza precedenti”

redazione

Ust-Cisl Ragusa: “Una crisi senza precedenti”

giovedì 17 Dicembre 2020 - 00:00
Ust-Cisl Ragusa: “Una crisi senza precedenti”

Il segretario generale, Vera Carasi ha sollecitato politica e istituzioni ad accelerare il passo per evitare il tracollo della provincia: “Ridare slancio a una terra che ha bisogno di grandi investimenti”

RAGUSA – “C’è grande preoccupazione per la tenuta sociale, economica e sanitaria dei nostri territori a livello complessivo. Mentre stiamo ancora finendo di calcolare i danni causati dalla seconda ondata epidemica, si prospetta all’orizzonte una crisi senza precedenti, soprattutto se chi ha la responsabilità di decisioni politiche e istituzionali non accelera il passo. Se non si passa subito all’azione, insomma, si rischia il tracollo”.

È il senso dell’allarme lanciato dal segretario generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, sui segnali sempre più negativi e critici che arrivano dal mercato del lavoro e dal sistema produttivo dell’area iblea.

“Abbiamo già avuto modo di appurare – continua Carasi – come sia stato e continua ad essere particolarmente grave la ripercussione che la pandemia ha avuto sulla fragile realtà economica delle nostre aree provinciali. È il caso anche dell’ambito ragusano così come ci viene evidenziato nei tanti settori rappresentati dalle nostre federazioni. La Cisl chiede con forza alla politica di canalizzare le forze per concretizzare un solo obiettivo: ridare slancio a una terra che ha bisogno di grandi investimenti in infrastrutture, innovazione, digitalizzazione, banda larga, scuola e formazione”.

Carasi auspica che “le somme contemplate dai vari provvedimenti governativi possano arrivare a quanti ne avvertono il bisogno, in modo veloce e senza ritardi. Stiamo parlando della cig e delle varie misure sociali, per consentire alle persone di vivere dignitosamente ma anche per evitare che si dia spazio a situazioni che potrebbero scompaginare il quieto vivere sociale, come, ad esempio, il ricorso all’usura. Occorre stigmatizzare queste situazioni e per tale motivo è necessario che lo Stato compia sino in fondo il proprio dovere per quanto riguarda i provvedimenti complessivi di ristoro. Stiamo parlando, inoltre, di temi legati alla crescita, al lavoro, allo sviluppo per i quali è necessario un reale coinvolgimento preventivo delle parti sociali nei processi decisionali che riguardano il futuro della nostra terra e più in particolare delle nostre città”.

Un altro aspetto che il segretario generale Carasi intende mettere in luce è quello riguardante le risorse del Recovery fund. “Come Cisl – continua – affermiamo che si sta discutendo troppo di progetti da realizzare e da dove reperire le risorse e invece troppo poco della esecutività e quindi della effettiva cantierabilità degli stessi. Per questo riteniamo che gli enti locali territoriali debbano organizzare i propri uffici in modo che le somme possano confluire in progetti esecutivi, gare d’appalto e avvio di lavori”.

“L’esempio ‘ponte di Genova’ ricostruito in tempi celeri e grazie alla collaborazione di tutti – aggiunge – non deve restare una chimera, ma diventare realtà e questo vuol dire non solo dotare di tecnici e progettisti gli uffici pubblici ma anche pensare a procedure particolarmente snelle, sempre nel rispetto della trasparenza amministrativa e della legalità, che consentano di giungere ai cantieri in tempi brevi. Insomma, dobbiamo sin da ora guardare al futuro e programmare un sostenibile modo di procedere in grado di garantire risposte in tempi certi”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684