Vaccini, Ricciardi chiede di non modificare l'obbligo scolastico - QdS

Vaccini, Ricciardi chiede di non modificare l’obbligo scolastico

redazione web

Vaccini, Ricciardi chiede di non modificare l’obbligo scolastico

giovedì 23 Luglio 2020 - 05:26
Vaccini, Ricciardi chiede di non modificare l’obbligo scolastico

Delle dieci attualmente necessarie da agosto possibile un blocco di quattro vaccinazioni, mette in guardia il presidente emerito dell'Iss. Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità, propone addirittura di incentivarle



Importante scadenza in vista per la legge Lorenzin sulle vaccinazioni obbligatorie per la frequenza a scuola.

Delle dieci attualmente necessarie, quattro potrebbero diventare non più obbligatorie: il sette agosto scade infatti il termine fissato dalla stessa legge del 2017 in base al quale, a tre anni dalla norma, il Ministero può disporre la cessazione dell’obbligatorietà per una o più tra quattro vaccinazioni (morbillo, rosolia, parotite e varicella) sulla base dei dati epidemiologici e delle coperture vaccinali raggiunte.

Ma l’obbligo, è il primo commento di Walter Ricciardi, già presidente dell’Istituto superiore sanità, “non va assolutamente modificato”.

Per quattro tipi di immunizzazione, dunque, si potrebbe arrivare a uno stop dell’obbligo dopo la prevista verifica triennale, mentre le restanti sei vaccinazioni (antipoliomielitica, antidifterica, antitetanica, antiepatite B, antipertosse, antiHaemophilus influenzae tipo b) restano obbligatorie per poter frequentare la scuola.

L’obbligo vaccinale vale per l’iscrizione ad asili nido e scuole materne, nella fascia d’età 0-6 anni, ma riguarda, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, fino cioè ai 16 anni.

Di conseguenza i bambini da zero a sei anni non in regola con le vaccinazioni non possono accedere agli asili nido e alle scuole dell’infanzia; bambini e ragazzi nella fascia d’eta’ da sei a 16 anni potranno invece entrare a scuola.

In entrambi i casi, se i genitori rifiuteranno ripetutamente di far vaccinare i figli dopo colloqui e solleciti da parte delle Asl, incorreranno nelle sanzioni pecuniarie previste dalla legge, fino a cinquecento euro.

Da quest’anno scolastico, 2019/2020, sono state inoltre previste delle misure di semplificazione e, quindi, non è più richiesto alle famiglie di presentare all’atto dell’iscrizione la documentazione sulle vaccinazioni effettuate. Saranno infatti le ASL a trasmettere direttamente alle scuole i dati delle anagrafi vaccinali.

Su questo punto, però, non mancano le perplessità dal momento che, sottolineano in molti, le anagrafi vaccinali non sono attive ed a regime su tutto il territorio. In attesa degli sviluppi, ed in vista del prossimo avvio a settembre di un anno scolastico che si preannuncia tutt’altro che semplice, gli esperti mettono però in guardia da un’eventuale cancellazione dell’obbligatorietà per alcune delle vaccinazioni previste.

“Il Piano nazionale di prevenzione vaccinale, incluso l’obbligo vaccinale per la frequenza scolastica – ha detto Ricciardi, anche professore di Igiene all’Università Cattolica – ha funzionato benissimo e, in vari casi, è stato anche copiato da altri Paesi. Non mi pare che in questo momento, considerando anche la particolare confusione legata all’emergenza pandemica, vi sia alcun motivo per modificarlo”.

Anzi, aggiunge, “sono favorevole ad un suo rafforzamento, con l’aggiunta della vaccinazione anti-meningococco”. Inoltre, “vanno recuperati tutti i bambini non vaccinati finora per lo stop verificatosi durante la pandemia e va varato un piano specifico per promuovere la vaccinazione contro il papillomavirus”.

A totale favore delle vaccinazioni si dichiara anche Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità.

II medico che “tutela la salute del paziente , e a maggior ragione il pediatra, non può che essere favorevole alle vaccinazioni, che in questi anni hanno portato risultati importantissimi debellando malattie fino a poco decenni fa mortali. La cultura delle vaccinazioni deve essere sempre promossa”.

Inoltre, sottolinea, “va ribadito che i vaccini sono sicuri e l’obiettivo è quello di una loro sempre maggiore diffusione”. Intanto, per la prossima stagione invernale, a tutti i bambini da 6 mesi a 6 anni (oltre che agli anziani dai 60 anni) è raccomandata anche la vaccinazione antinfluenzale, che sarà gratuita.

L’estensione della raccomandazione è stata decisa dal ministero della Salute a causa dell’emergenza Covid-19, al fine di facilitare le diagnosi della malattia da SarsCov2.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684