Vaiolo scimmie, trasmissione attraverso tatuaggi: lo studio dell'Università di Udine - QdS

Vaiolo scimmie, trasmissione attraverso tatuaggi: lo studio dell’Università di Udine

web-mt

Vaiolo scimmie, trasmissione attraverso tatuaggi: lo studio dell’Università di Udine

web-mt |
giovedì 22 Settembre 2022 - 16:16

L'epidemia, che continua a colpire prevalentemente gli uomini, sta comunque rallentando anche se si registrano ancora casi.

I tatuaggi potrebbero essere un mezzo di trrasmissione del contagio. La diffusione del vaiolo delle scimmie, di cui continuano a registrarsi casi anche in Italia, potrebbe essere agevolata dalla pratica di tingersi l’epifermide. Lo studio di cui scrive l’Ansa è dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine che parla di una nuova possibile modalità di trasmissione dell’infezione.

Il caso

Come riporta l’Ansa, sulle pagine della rivista Internal and Emergency Medicine, i ricercatori hanno descritto il caso di un trentanovenne positivo al vaiolo delle scimmie. Il paziente aveva fatto un tatuaggio in Spagna 7 giorni prima della comparsa dei sintomi. Le prime lesioni tipiche della malattia sono comparse proprio nell’area tatuata. Serve “una rinnovata attenzione alle attività che comportano contatti stretti, come i negozi di tatuaggi; occorre prestare particolare attenzione alla sterilizzazione degli strumenti e dell’inchiostro per ridurre al minimo la trasmissione di agenti infettivi”, scrivono gli autori dello studio.

Il profilo medio del paziente

Dall’ultimo rapporto dell’Oms non emergono cambiamenti nel profilo dei pazienti: la gran parte (il 97,4%) continua a essere di sesso maschile, con un età mediana di 35 anni e, nei casi in cui è noto l’orientamento sessuale, il 90,9% si dichiara uomo che ha rapporti sessuali con altri uomini.

La pandemia rallenta

Continua a rallentare l’epidemia di vaiolo delle scimmie: secondo l’ultimo aggiornamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), nella settimana tra il 12 e il 18 settembre si sono verificati 3.794 contagi nel mondo, il 22% in meno rispetto alla settimana precedente, quando si erano registrati 4.863 casi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684