Valle dei Templi, al via recupero del tempio di Giove - QdS

Valle dei Templi, al via recupero del tempio di Giove

web-dr

Valle dei Templi, al via recupero del tempio di Giove

web-dr |
lunedì 15 Febbraio 2021 - 11:56

A marzo partiranno i lavori nel sito archeologico di Agrigento per il recupero di Olympeion

Saranno quattro i cantieri sull’area del tempio di Giove Olimpo a costituire uno degli interventi più importanti dell’ultimo decennio per il Parco archeologico di Agrigento. Sarà possibile, una volta terminati i lavori, ripercorrere l’esatta strada che conduceva all’imponente altare di Giove.

L’intervento più delicato e allo stesso tempo più scenografico sarà quello del riassemblaggio della trabeazione (architrave, fregio e cornice) sorretta dai telamoni – 38 in origine – e la musealizzazione delle parti dell’imponente statua che sarà sostenuta in piedi da una sottile lastra in acciaio con mensole di pochi millimetri: un supporto sismico di ultima generazione. Secondo la testimonianza storica, il Tempio di Giove era tra i più grandi d’Occidente, addirittura più imponente del Partenone.

Il grande tempio dorico – oltre 56 metri di ampiezza per oltre 113 di lunghezza per 6340 mq – fu costruito in blocchi di calcarenite, una novità per il tempo, anche per le diverse soluzioni architettoniche impiegate. Secondo Diodoro Siculo, il timpano era decorato con scene della Gigantomachia e della guerra di Troia, per eccellenza le più dinamiche e scenografiche.

I telamoni (alti quasi 8 metri) dovevano trovarsi a circa 11 metri di altezza rispetto al pavimento, appoggiati su mensole e con il busto ancorato alla muratura. Oggi si cerca di ridisegnare la mappa dell’Olympeion, crollato dopo un terremoto nel 1401, e del tutto sconquassato nel XVIII secolo quando gran parte dei suoi blocchi di calcare furono utilizzati per costruire il molo di Porto Empedocle.

È bello vedere come in questo momento storico i siti archeologici e i musei in Sicilia stiano operando al massimo dell’impegno per riaprire con ambienti più accoglienti e nuovi progetti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684