Viaggiare sicuri, utenti informati e controllati - QdS

Viaggiare sicuri, utenti informati e controllati

Michele Giuliano

Viaggiare sicuri, utenti informati e controllati

mercoledì 07 Agosto 2019 - 02:00
Viaggiare sicuri, utenti informati e controllati

Anche in Sicilia parte “Tispol”, la nuova campagna di prevenzione delle polizie stradali. Prima tranche di controlli dal 26 al 29 luglio, nuove operazioni a tappeto dal 23 al 26 agosto

PALERMO – Arriva anche nelle strade extraurbane siciliane il programma “Tispol” che dopo una prima tappa negli ultimi giorni di luglio farà la sua ricomparsa dal 23 al 26 agosto prossimi.

Parliamo del network Europeo delle polizie stradali che consentirà, come ogni anno, la concretizzazione della campagna europea congiunta denominata “Viaggiare Sicuri” diretta al controllo delle ordinarie condizioni di sicurezza degli autoveicoli e dei veicoli a due ruote che, nel periodo estivo, si muoveranno su tutto il territorio.

Tispol è una rete di cooperazione tra le polizie stradali, nata nel 1996 sotto l’egida dell’Unione Europea, alla quale oggi aderiscono i 31 Paesi europei. L’Italia è rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del ministero dell’Interno.

L’organizzazione sviluppa una cooperazione operativa tra le polizie stradali europee, con l’obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali, attraverso operazioni internazionali congiunte volte a incrementare la sicurezza stradale e al contrasto delle violazioni connesse.

L’obiettivo ultimo è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo Tispol. Lo scopo della campagna “Viaggiare Sicuri” è di verificare efficacemente, su tutte le arterie europee di grande viabilità, le condizioni dei veicoli, la sistemazione del carico , la regolarità dei documenti del conducente e del veicolo, nonché il corretto utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta, anche con particolare riguardo ai seggiolini per bambini, da parte di conducenti e occupanti di veicoli a motore, sicché si sviluppi la coscienza e la consapevolezza che nello stesso momento tutte le forze di polizia stradale dell’Unione stanno operando con le medesime modalità, strumenti omogenei ed un obiettivo comune.

Anche sulle strade siciliane la polizia stradale sarà impegnata a garantire che gli utenti possano viaggiare in sicurezza, pertanto verranno incrementati i controlli sulle arterie autostradali e sulla viabilità ordinaria allo scopo di prevenire gli incidenti stradali. Questa operazione vedrà gli agenti di polizia svolgere una vasta gamma di ispezioni di sicurezza che si concentrano su eccesso di velocità, alcol, droghe, uso delle cinture, violazioni del tachigrafo, eccesso di peso, carico pericoloso e reati documentali. Negli anni precedenti, sono stati rilevati oltre 30.000 reati durante i sette giorni dell’operazione.

“Ci impegniamo – evidenziano dalla Polizia stradale siciliana – a strade più sicure e più sicure in tutta Europa. Sappiamo che la maggior parte dei camionisti e degli operatori è orgogliosa della qualità e della sicurezza del proprio lavoro e ci impegniamo a sostenerli. Tuttavia, rimane una percentuale di operatori meno scrupolosi, che mettono prima i profitti e chi taglierà le curve di sicurezza nel processo. È contro di essi che i nostri sforzi sono focalizzati. Stiamo anche lavorando per garantire un’applicazione più coerente delle leggi vigenti in materia di sicurezza dei veicoli commerciali di grandi dimensioni”.

Durante questa operazione, gli ufficiali utilizzeranno una serie di metodi di rilevamento della velocità su tutti i tipi di strada. Lo scopo dell’operazione è quello di aumentare la consapevolezza dei pericoli di eccesso di velocità e di ricordare ai conducenti i benefici per tutti gli utenti della strada della guida a velocità che sono sia legali che appropriate.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684