Estate 2018 in Sicilia, dalla cultura all'intrattenimento - QdS

Estate 2018 in Sicilia, dalla cultura all’intrattenimento

Patrizia Penna

Estate 2018 in Sicilia, dalla cultura all’intrattenimento

venerdì 22 Giugno 2018 - 05:10
Estate 2018 in Sicilia, dalla cultura all’intrattenimento

Taormina celebra la letteratura con Taobuk, a Palermo protagonista il sughero nella mostra dell’artista israeliano Avner Sher. Per chi desidera invece allargare i propri orizzonti, DiscoverEU per viaggiare alla scoperta dell’Europa 

Si ringraziano:
– Scionti
– La Spina auto
– Comune di Palma di Montechiaro
– Hotel Al Gabbiano
– Farruggio gioielleria

PALERMO – Anche quella del 2018 si preannuncia un’estate ricca di eventi in Sicilia. Persino il turista più attento e pignolo troverà risposte alle più disparate esigenze ed aspettative. Dalla cultura allo spettacolo e all’intrattenimento, dall’enogastronomia allo sport: in Sicilia, in effetti, ce n’è per tutti i gusti.

Taormina, La Perla dello Ionio, ospiterà “Taobuk”, Taormina Book Festival, Festival Internazionale del libro che si svolgerà dal 23 al 27 giugno. Protagonista della kermesse è la letteratura, attraverso il punto di vista di scrittori internazionali. Il cartellone di Taobuk si impreziosisce anche di mostre, spettacoli teatrali, pièce di danza e retrospettive cinematografiche, in suggestive location, prima fra tutte il Teatro antico di Taormina, assieme ai palazzi della città e ai grandi alberghi: Il tema dell’ottava edizione sarà quello delle #Rivoluzioni.
Durerà soltanto una settimana, (dal 25 al 30 giugno), invece, la mostra fotografica sbarcata per la prima volta a Catania, presso i locali di Via Biscari 10, e intitolata “Nome in codice: Caesar. Detenuti siriani vittime di tortura”. La mostra è stata promossa da Fnsi – Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Amnesty International Italia, Focsiv – Volontari nel Mondo, Un Ponte Per, Unimed – Unione delle Università del Mediterraneo e Articolo21.
Si tratta di una selezione di pochissime delle cinquantamila fotografie che l’agente della polizia militare siriana chiamato Caesar, incaricato dal regime di documentare quanto accadeva ai detenuti nelle carceri, portò con sé quando decise di fuggire. Caesar ha deposto, testimoniato, ma non ha mai rilasciato interviste, tuttavia un suo messaggio è stato inviato per questa come nelle precedenti esposizioni. In questi anni queste immagini sono state ospitate al Palazzo di vetro di New York, in modo permanete al Museo dell’Olocausto di Washington, al Parlamento Europeo ed in altre città europee e italiane.
Restando sempre alle pendici dell’Etna, per una serata all’insegna del divertimento e della spensieratezza, da non perdere il duo comico Pio e Amedeo, per la prima volta in tour in Sicilia, con l’irriverente spettacolo “Tutto fa Broadway” all’anfiteatro Falcone e Borsellino di Zafferana Etnea il 2 agosto.

C’è tempo fino al 31 agosto, invece, per visitare nella Sala delle Verifiche del complesso monumentale dello Steri a Palermo, la mostra “Bridge Palermo Jerusalem” di Avner Sher: l’artista israeliano usa il sughero per creare un mondo interiore, che affonda nelle origini e si nutre di desideri. Attraverso la sua arte Avner Sher vuole decodificare il presente e osservare i punti di collisione tra civiltà inondate da credi, disperazioni e speranze. Avner Sher tratta il sughero, lo segna, lo rende suo; incide in modo aggressivo, brucia la corteccia, la inonda di materiali insoliti come vino, detersivo per bucato, inchiostro e ketchup. Crea un’archeologia e una storia per il materiale, come se fosse una pergamena torturata da macchie, lacrime e graffi. Nelle sue opere che hanno i colori del deserto o del vino, o su un’alta fila di obelischi, cerca risposte, cogliendo paure e speranze che divide con il suo popolo.
Per chi desidera invece allargare i propri orizzonti, con un bilancio di 12 milioni di euro nel 2018, DiscoverEU, iniziativa promossa dalla Commissione europea, offre ad almeno 20 000 giovani la possibilità di viaggiare attraverso l’Europa quest’anno.
A ogni Stato membro dell’Ue è stato assegnato un numero di biglietti in base alla percentuale della sua popolazione rispetto a quella complessiva dell’Unione europea. Con questa nuova iniziativa dell’Ue i giovani potranno viaggiare da soli o in un gruppo di un massimo di cinque persone. Come regola generale, useranno il treno. Tuttavia, per garantire l’accesso a tutto il continente, in alcuni casi particolari i partecipanti potranno utilizzare mezzi di trasporto alternativi, come l’autobus o il traghetto o, eccezionalmente, l’aereo. In questo modo anche i giovani che vivono in zone periferiche o sulle isole dell’Ue potranno partecipare. Poiché il 2018 è l’Anno europeo del patrimonio culturale, i vincitori dei biglietti avranno la possibilità di partecipare a numerosi eventi che si svolgono in tutta Europa. Per candidarsi c’è tempo fino al 26 giugno. I candidati dovranno fornire i loro dati personali e maggiori dettagli sul viaggio che vorrebbero fare. Dovranno inoltre rispondere a un quiz composto da 5 domande riguardanti il 2018 quale Anno europeo del patrimonio culturale, le iniziative dell’Ue rivolte ai giovani e le prossime elezioni europee. Infine, dovranno rispondere a una domanda di spareggio su quanti giovani parteciperanno all’iniziativa. Le risposte consentiranno alla Commissione europea di selezionare i candidati. Una volta selezionati, i partecipanti dovranno iniziare il viaggio tra il 9 luglio e il 30 settembre 2018. Potranno viaggiare fino a 30 giorni e visitare fino a 4 mete all’estero. Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: “DiscoverEU offre ai giovani un’ottima opportunità di scoprire l’Europa attraverso un viaggio personale che nessun libro o documentario saprebbe offrire. Sono certo che questa esperienza contribuirà a un cambiamento positivo – per i giovani che vi parteciperanno e per le comunità che visiteranno. L’iniziativa permetterà di far nascere 15 000 storie europee indimenticabili, che saranno seguite da molte altre verso la fine dell’anno e in futuro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684