Aci green way, la pista ciclabile "gioiello" che nessuno vuol gestire - QdS opere incompiute

Aci green way, la pista ciclabile “gioiello” che nessuno vuol gestire

Adriano Agatino Zuccaro

Aci green way, la pista ciclabile “gioiello” che nessuno vuol gestire

martedì 22 Dicembre 2020 - 16:36

3,5 km di percorso ciclopedonale all'interno della riserva naturale della Timpa. Il Comune di Acireale non ha risorse economiche per aumentare l'impegno e per i privati il bando per la gestione - in scadenza il 28 dicembre - è impossibile da onorare.

Il Percorso ciclopedonale di Acireale (Ct) posto nel vecchio tracciato della ferrovia cerca “moglie”. Il Comune, attraverso un bando pubblicato il 27 novembre scorso e che si chiuderà il 28 dicembre, intende concedere il tracciato lungo circa 3,5 Km, in gestione ed uso, ad associazioni, cooperative, società, imprese individuali ed associate, enti, consorzi e raggruppamenti d’impresa. La riqualificazione dell’area, che ha necessitato lunghi e costosi interventi, può dirsi terminata; si attende solo il collaudo. Perché i cancelli sono ancora chiusi? Quando la cittadinanza potrà fruire del bene? Perché bisogna attendere l’interessamento dei privati? Il Comune non poteva agire autonomamente ed accorciare i tempi? Il QdS ha intervistato il sindaco di Acireale, Stefano Alì, il consigliere comunale, Ugo Trovato, appartenente al gruppo “La città che vogliamo”, Sarah Leonardi, presidente di Legambiente Acireale e l’architetto Sebastian Carlo Greco, direttore dei lavori.

L’architetto ha così
brevemente descritto le operazioni svolte sul sito: “Le
traversine, considerate rifiuto pericoloso, sono state rimosse insieme alla
vegetazione infestante e alle canalette per i cavi elettrici. Pulizia,
bonifica e messa in sicurezza
, dunque, con parapetti in legno e rete
metallica. È seguita l’operazione di illuminazione delle gallerie e poi
la realizzazione della pista con il riuso del materiale presente in situ e con
la compattazione dello stesso mediante la stabilizzazione di un materiale
ecosostenibile che lo aggrega”.

IL PERCORSO
E IL PROGETTO

“Il percorso presenta tre gallerie – dichiara il
sindaco – che potrebbero rappresentare delle aree da controllare e vogliamo
prevenire atti di vandalismo. É necessario prevedere l’apertura e la chiusura
del tracciato e che ci sia un’associazione che se ne prenda carico anche per la
manutenzione ordinaria (come viene fatto per tantissime strutture). Si pensi
che il Comune di Acireale ha attualmente difficoltà a mettere i custodi
nella Villa Belvedere (avendo in dote 380 dipendenti di cui 270 a tempo
parziale) e non ha risorse economiche per aumentare l’impegno. Detto ciò,
risulta evidentemente motivata la scelta di richiedere la gestione a terzi
senza ulteriori costi per l’amministrazione ma dando la possibilità ai privati
di trarre vantaggio economico. Si tratta di una pista molto bella. Chiediamo di
rendere possibile l’apertura in alcuni giorni della settimana per far fruire
delle bellezze l’utenza”.

Sarah Leonardi

La pista è davvero “molto bella” e lo è ancor di più
il contesto entro cui è collocata. Lo spiega Sarah Leonardi: “Il percorso è un sentiero riconosciuto all’interno
della Riserva naturale orientata ‘La Timpa’, quest’ultima, di ben 280 ettari, è
in gestione al dipartimento per il territorio ambientale della regione
siciliana (ex forestali). Il terreno della riserva è per il 99% su territorio
privato, le uniche parti pubbliche sono una piccolissima area in zona Mortara,
il sentiero delle Chiazzette e adesso proprio il vecchio tracciato ferroviario
perché è stato acquistato dal Comune da RFI (nonostante le Ferrovie dello Stato
hanno spesso concesso aree gratuitamente) per ben 300 mila euro. In merito ai
lavori, la prima opera è stata la bonifica all’interno delle gallerie perché
c’erano delle canalette per i cavi elettrici contenenti amianto; procedure
molto costose che hanno inciso notevolmente sui fondi disponibili”.

Ai costi citati se ne assommano altri
e comunque permangono criticità. “Il progetto Aci green way è davvero un
bel progetto – dichiara il consigliere Trovato – con una progettazione iniziale
di un milione di euro che è poi stata tagliata del 40% rendendo il progetto carente
in alcuni aspetti: il tracciato non è interamente illuminato (lo sono solo le
gallerie) ed è quindi difficile da mantenere aperto la sera, inoltre non c’è un
impianto di videosorveglianza. A monte non è stata fatta una relazione
geologica e abbiamo riscontrato in alcuni punti che dalla strada statale arriva
un fiume d’acqua che danneggia il terreno vegetale stabilizzato. La polemica
che è in corso per la gestione ha un suo fondamento perché si tratta di un bene
che necessita manutenzione costante per 3,5 km per corsia, altrimenti la
vegetazione la farebbe da padrona.”.

IL FUTURO

Manutenzione e introiti per la gestione tengono banco
per l’apertura del percorso ciclopedonale. È opinione diffusa, infatti, che ci
siano nodi da sciogliere all’interno del bando.

Stefano Alì

“Il bando del Comune nasce dall’impossibilità di
gestione da parte della stessa amministrazione. Abbiamo chiesto un processo
partecipato di risorse finanziarie e umane. Tutto ciò purtroppo non è avvenuto
e sta di fatto che è venuto fuori un bando impossibile da onorare da
parte di qualsivoglia associazione o privato perché viene richiesta la
manutenzione ordinaria del verde e dei canali di scolo imponendo
l’accessibilità gratuita al sentiero, e su questo Legambiente è d’accordo! Così,
però, le uniche forme di introito per le associazioni possono derivare dall’attivazione
di un chioschetto per le bevande e da attività aggiuntive che nel periodo che
stiamo vivendo sono difficilmente praticabili e comunque da organizzare in un
sentiero di difficile accesso e non collegato ad altre arterie stradali:
terminato il percorso si può solo tornare indietro. Una manutenzione
ordinaria di base costerebbe all’associazione almeno 10 mila euro
. Come
un’associazione no profit dovrebbe avere un rientro da tali spese? Noi
immaginiamo che al 28 dicembre il bando andrà deserto. Da un lato me lo auguro
perché sarebbe una chiave di volta per far comprendere che il bando non è stato
pensato a dovere. Proponiamo una tavola rotonda che dia oneri e
responsabilità condivise; un unico ente non può riuscire nell’impresa”.

Ugo Trovato

Opinione condivisa dal consigliere Trovato che
rilancia: “Sostengo che sia necessario fare una gara di manutenzione annuale
con un’impresa addetta a pulire perché le associazioni che dovrebbero prendersi
l’onere della manutenzione avrebbero anche acqua e Tari da pagare e non
riuscirebbero a mantenersi; in questo sono d’accordo con Sarah Leonardi. Il mio gruppo avvierà una proposta di
revisione del bando
per mantenere l’opera aperta tutta la settimana e non
solo nei weekend (come è previsto) e per consentire al più presto la fruizione
da parte dei cittadini”.

Il Sindaco sostiene le scelte dell’Amministrazione: “Qualche
associazione ha già chiesto di poter visitare i luoghi
prima di poter
partecipare al bando. Si tratta di fare la manutenzione per 3,5 Km con una
superficie che non è larghissima. Ogni associazione è e sarà libera di fare la
propria analisi e deciderà se è un’attività che può svolgere o meno. Avviare e
concludere i lavori è stato un processo complicato. Alcuni privati accampano
dei diritti di usucapione
sul percorso ma è chiaro che una pista ciclabile
è incompatibile col transito di autoveicoli. Il primo giudizio si è risolto a
vantaggio del Comune ma non nel merito. C’è dunque un problema aperto su
quest’opera
. Sicuramente apriremo il prima possibile ma serve il collaudo
dei lavori e la chiusura del bando per la concessione in gestione”.

L’architetto precisa: “I lavori sono stati ultimati in attesa del certificato di regolare esecuzione che entro i tre mesi dalla fine dei lavori deve essere emesso dal sottoscritto (il direttore dei lavori può fare il collaudo essendo l’importo inferiore al milione di euro). I lavori, a meno di aspetti di dettaglio, sono terminati il 31 ottobre e poi sono stati dati 20 giorni per ultimarli. Credo che l’iter amministrativo entro la fine di gennaio deve essere chiuso”.

Adriano Agatino Zuccaro

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684