Ambiente e decoro cittadino Agrigento vuole una svolta - QdS

Ambiente e decoro cittadino Agrigento vuole una svolta

Irene Milisenda

Ambiente e decoro cittadino Agrigento vuole una svolta

mercoledì 12 Maggio 2021 - 00:00

Avviato proprio in questi giorni il progetto “Agrigento differenzia”, con una campagna di sensibilizzazione destinata in particolare ai canali social tramite illustrazioni, post e video esplicativi

AGRIGENTO – Comunicare e informare sul corretto modo di fare la differenziata, ma soprattutto insistere su chi ancora oggi abbandona i rifiuti lungo le strade della città. È questa la campagna di sensibilizzazione “Agrigento differenzia”, lanciata dall’Amministrazione comunale insieme alle ditte del servizio rifiuti, Seap, Sea e Iseda. Attraverso i canali social, tramite illustrazioni, post e video verranno date tutte le indicazioni su come conferire i rifiuti. Un’attività che potrebbe sembrare banale, ma che in realtà in questi primi mesi di sperimentazione si è rivelata un grande aiuto per l’utente: lo si è visto anche nei numeri conseguiti, con un incoraggiante 70%.

“Stiamo attuando – ha detto il sindaco Franco Micciché – delle modifiche per ottimizzare il servizio di raccolta dei rifiuti. Quello che chiedo ai cittadini è di aiutarci a fare una buona differenziata e cercare di mantenere la città pulita rispettando le regole”.

Ma se da un lato si punta alla comunicazione e all’informazione, dall’altro l’Amministrazione continua con i controlli e con le sanzioni. In tre mesi sono state elevate 304 multe per trasgressione delle norme ambientali e di queste 71 riguardano l’abbandono di rifiuti per strada, 130 il conferimento rifiuti domestici senza mastello o senza i sacchetti biodegradabili, 103 il conferimento rifiuti non correttamente differenziati. “Numeri – ha sottolineato l’assessore all’Ecologia, Aurelio Trupia – che non fanno piacere. Continueremo a vigilare sia nel centro città quanto nelle zone periferiche”.

In vista dell’inizio della stagione balneare l’attenzione è poi concentrata sulla frazione di San Leone. La zona, infatti, nei weekend diventa ricettacolo di troppe bottiglie di alcolici o altro abbandonate per strada, a rischio dell’incolumità pubblica e a danno del decoro cittadino. Per questo il sindaco ha emesso un’ordinanza fino al 30 giugno che vieta la vendita per asporto di bevande in bottiglie e bicchieri di vetro o in lattina. “L’adozione di tale provvedimento restrittivo – ha spiegato – costituisce un miglioramento per la sicurezza urbana, sociale e del decoro pubblico, nonché un valido strumento di prevenzione del degrado urbano e di comportamenti scorretti e incivili”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684