Truffa un anziano per 130mila euro: arrestato direttore poste nel Palermitano - QdS

Truffa un anziano per 130mila euro: arrestato direttore poste nel Palermitano

web-mp

Truffa un anziano per 130mila euro: arrestato direttore poste nel Palermitano

web-mp |
sabato 26 Marzo 2022 - 08:31

Il pensionato, accortosi dell'ammanco, aveva presentato denuncia contro ignoti ai carabinieri. Il direttore avrebbe minacciato la figlia dell'anziano cliente per costringerlo a ritirare la querela

Sostituzione di persona, peculato e tentata estorsione ai danni di un pensionato 80enne. Sono i reati contestati dalla Procura di Termini Imerese al direttore dell’ufficio postale di un piccolo comune del palermitano, arrestato dai carabinieri.

L’insospettabile direttore delle Poste

Nei suoi confronti i militari dell’Arma di Lercara Friddi hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip Secondo l’accusa, il quarantenne pubblico ufficiale, alla direzione dell’ufficio postale da circa cinque anni, avvalendosi della propria funzione, avrebbe aperto a nome della vittima, ignara di tutto, un nuovo libretto postale, sostituendosi all’80enne ed inducendo in errore gli operatori del servizio centrale di Poste italiane Spa.

Dopo, avrebbe trasferito circa 130.000 euro, dal libretto legittimamente intestato al pensionato a quello da creato da lui e dal quale, avendone la totale disponibilità, avrebbe sottratto la somma di circa 71.000 euro, versandola su un conto corrente bancario a lui riconducibile.

La scoperta dell’ammanco sul conto dell’anziano, scattano la denuncia e le minaccia del direttore

Quando ha saputo che il pensionato, accortosi dell’ammanco, aveva presentato denuncia contro ignoti ai carabinieri, il direttore avrebbe minacciato la figlia dell’anziano cliente per costringerlo a ritirare la querela.

Il Gip ha emesso, nei confronti dell’indagato, anche un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente della somma indebitamente sottratta alla vittima e i carabinieri hanno sequestrato al direttore dell’ufficio postale due abitazioni.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684