Il virus continua a far paura Gambino ora gioca in difesa - QdS

Il virus continua a far paura Gambino ora gioca in difesa

Annalisa Giunta

Il virus continua a far paura Gambino ora gioca in difesa

mercoledì 31 Marzo 2021 - 00:00

Alla luce dei numeri resi noti dall’Azienda sanitaria provinciale il sindaco ha emesso un’ordinanza che ha intensificato le restrizioni al fine di prevenire ulteriori contagi da Covid-19

CALTANISSETTA – Vietata ogni forma di stazionamento nelle strade e piazze non connesso a comprovate esigenze previste dalle vigenti disposizioni in tutto il territorio del Comune fino al 6 aprile 2021, al fine di evitare ogni forma di assembramento nelle aree pubbliche o nelle vicinanze di esercizi commerciali, uffici o altri luoghi del territorio comunale. Queste le disposizioni contenute nell’ultima ordinanza sindacale emessa dal sindaco Roberto Gambino. Una decisione scaturita anche dai dati che l’Asp di Caltanissetta comunica giornalmente e che dimostrano come i nuovi casi di Coronavirus siano ancora rilevanti.

“Monitoriamo continuamente la curva pandemica – ha spiegato il primo cittadino – e abbiamo appreso con preoccupazione contagi esponenziali non soltanto nella nostra città ma anche in provincia. Il virus si sta espandendo e per questo motivo ho firmato un’ulteriore ordinanza. È inderogabile scongiurare altri pericoli di innalzamento dei contagi e tenuto conto che si avvicinano le festività pasquali è necessario varare misure ancor più restrittive nel capoluogo nisseno”.

“Visti i numeri della scorsa settimana – ha aggiunto – con un indice di contagio di 0,40 ho anche firmato una nota indirizzata al Presidente della Regione Siciliana per chiedere il prolungamento della zona rossa. In merito all’apertura delle scuole, al momento chiuse sino al 31 di marzo, anche se il presidente Draghi ha dichiarato che intende riaprire le scuole fino alla media in zona rossa, sono contrario a questa decisione poiché la scuola è stato uno dei primi veicoli di contagio. Al momento opportuno comunicherò la mia decisione in merito, decisione che sarà dettata dai numeri dei contagi rilevati”.

Nell’ordinanza si ricorda altresì che è vietato ogni spostamento in entrata e uscita dal Comune e all’interno dello stesso a eccezione di quelli derivanti da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione. Il cittadino deve essere munito di autocertificazione al fine di consegnarla alle autorità competenti in caso di controllo.

Bisogna mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro; evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva; non toccare occhi, naso e bocca con le mani; coprire bocca e naso se si starnutisce o tossisce; non prendere farmaci antivirali né antibiotici a meno che siano prescritti dal medico; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; l’uso obbligatorio delle mascherine.

Se si hanno sintomi simili all’influenza occorre restare a casa, non recarsi al Pronto soccorso o presso gli studi medici ma contattare il medico di medicina generale, i pediatri di libera scelta, la guardia medica o i numeri regionali.

L’inosservanza dei provvedimenti previsti nell’ordinanza sindacale comporta l’applicazione in capo al trasgressore della sanzione amministrativa da euro 400 a euro 1.000, ai sensi dell’art. 4 del decreto legge n. 19 del 25/03/2020 convertito nella legge 22/5/2020, n. 35.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684