Ancora carenza d’organico, alla formazione nuovi esperti - QdS

Ancora carenza d’organico, alla formazione nuovi esperti

Michele Giuliano

Ancora carenza d’organico, alla formazione nuovi esperti

venerdì 15 Aprile 2022 - 09:07

Serviranno alla programmazione dei fondi europei, nuova selezione per altri 7. Dopo i primi 16 reclutamenti il dipartimento ha chiesto di arrivare a un totale di 30 unità

È necessario altro personale esperto che sappia lavorare in questa era fatta di internazionalizzazione e tecnologia. Dopo i primi reclutamenti di consulenti, si è deciso di andare avanti ed è pronta una nuova infornata all’interno dell’assessorato regionale alla Formazione.

Tutto parte dalla nota n. 45087 del 21 dicembre scorso, con la quale il dirigente generale del Dipartimento regionale della formazione professionale ha manifestato all’assessore dell’Istruzione e della Formazione professionale le difficoltà, a causa di carenza di personale e della mancanza di un adeguato servizio di assistenza tecnica, di portare a compimento diverse iniziative quali la formalizzazione della programmazione 2021-2027. Già al 21 dicembre il dirigente ha esposto il proprio intendimento di procedere immediatamente all’individuazione di tutte la professionalità necessarie, insieme ad un “project manager” per il coordinamento del gruppo e, per elevare il numero di esperti a 30 unità, considerato che, nonostante l’inserimento negli uffici dei 16 professionisti come da ddg n.1429 del 13 ottobre 2021, rimangono delle carenze significative tra il personale dell’assessorato, sia in termini quantitativi che professionali.

Le nuove figure professionali richieste sono 14: un project manager, 4 senior e 2 middle, per il conferimento di incarichi di consulenza specialistica per lo svolgimento di attività di supporto finalizzate all’attuazione delle politiche europee in svolgimento sul ciclo di programmazione 2014-2020. Gli esperti saranno selezionati nell’ambito della long list di tipo aperto di assistenti ed esperti nelle aree della programmazione, gestione e controllo, istituita dall’associazione “Tecnostruttura delle Regioni per il Fondo Sociale Europeo”.

Il project manager avrà il ruolo di esperto a supporto del dirigente generale, con funzioni di coordinamento, operative e programmatiche, delle attività dei consulenti, e di quelle che dovranno essere svolte dall’Rti aggiudicataria del servizio di assistenza tecnica per il “rafforzamento della capacità amministrativa dell’amministrazione regionale per la programmazione 2021/27”. Dovrà avere almeno 10 anni di esperienza connessa alle politiche pubbliche e di investimento esperita e comprovata presso enti pubblici e privati, oltre che una comprovata esperienza in ambiti che vanno dalla programmazione dei fondi strutturali, all’analisi dei processi e dei dispositivi delle politiche pubbliche in termini di sistema di lavoro, formazione, innovazione e ricerca.

Per il profilo senior si richiede una esperienza professionale di oltre 10 anni, in uno degli ambiti della programmazione dei fondi strutturali, la normativa comunitaria e nazionale di riferimento, i processi e dispositivi di qualificazione dei sistemi del lavoro, della formazione, dell’istruzione, dell’innovazione e della ricerca, l’assistenza e accompagnamento in ordine ai processi di programmazione e progettazione.

Per il profilo middle, si dovrà possedere, in uno dei medesimi ambiti, una esperienza professionale di almeno 5 anni. L’incarico sarà di lavoro autonomo senza alcun vincolo di subordinazione, per ciascuno dei due profili professionali oggetto di selezione; si svolgerà presso la sede del dipartimento della formazione. Gli incarichi conferiti saranno sottoposti a valutazione periodica da parte dell’amministrazione, anche ai fini della durata, da stabilirsi nel contratto che regola il rapporto di lavoro. Il compenso, erogato bimestralmente, sarà subordinato alla presentazione di una relazione sull’attività espletata nel periodo, e potrà raggiungere i 70 mila euro per anno per il profilo senior e i 50 mila euro per il profilo middle.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684