Colpo a Cosa nostra, nove in manette a Catania - QdS

Colpo a Cosa nostra, nove in manette a Catania

redazione

Colpo a Cosa nostra, nove in manette a Catania

mercoledì 04 Dicembre 2019 - 00:02
Colpo a Cosa nostra, nove in manette a Catania

Operazione dei Ros: sequestrati beni per oltre 12 mln. Zuccaro tiene alta la guardia

CATANIA – Cosa nostra etnea vende parte dei propri beni: le servono soldi per finanziare la ‘famiglia’. Per dirla con Giuseppe Cesarotti, imprenditore intercettato e arrestato dai carabinieri del Ros di Catania, i soldi servono per sostenere chi è “nell’altra vita”, con riferimento a Francesco Mangion, boss deceduto per il coinvolgimento del figlio Enzo, e i “sepolti vivi”, identificati con i capimafia ergastolani detenuti Benedetto Santapaola e suo nipote Aldo Ercolano.

È il quadro che emerge dall’inchiesta ‘Samael’ della Dda della Procura di Catania su Cosa nostra nel capoluogo etneo che ha portato all’arresto di nove persone, tra esponenti della cosca Santapaola-Ercolano, imprenditori e faccendieri e al sequestro di beni per 12,6 milioni di euro, tra immobili e società.

Ma, avverte il procuratore Carmelo Zuccaro, “elogiando le indagini del Ros” che proprio oggi ‘compie 29 anni’, “non lasciatevi ingannare dal momento: la mafia catanese è sempre feroce e molto pericolosa”. Per il procuratore aggiunto Francesco Puleio nell’inchiesta si “respira aria di alta mafia”.

Il ‘faro’ dei militari dell’Arma del Ros è acceso da almeno il 2014 sul mondo economico di Cosa Nostra a Catania e sulla famiglia Cesarotti, Giuseppe e Salvatore, padre e figlio di 75 e 54 anni, accusati di essere legati al gruppo Santapaola-Ercolano e legati, in particolar modo, a Giuseppe ‘Enzo’ Mangion, figlio del boss deceduto Francesco che è stato per decenni uno dei luogotenenti fidati di Benedetto Santapaola. I tre sono tra gli arrestati.

Il certosino lavoro del Ros, presenti alla conferenza stampa con il vice comandante generale, il col. Giancarlo Scafuri, e della Dda di Catania ha ricostruito investimenti, riciclaggio, alienazione di beni riconducibili a Cosa nostra con la complicità di imprenditori. Come Mario Palermo, di 75 anni, considerato dall’accusa un prestanome del clan e posto agli arresti domiciliari, o Francesco Antonio Geremia, di 59, condotto in carcere che sarebbe stato anche un ‘faccendiere’ a disposizione del clan.

L’inchiesta ha fatto luce sull’incendio doloso a un lido balneare a Mascali, il ‘Jaanta Bi’, per estorsione, e sul passaggio di terreni riconducibili a Cosa nostra da agricoli a edificabili. Il Gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha disposto il sequestro di 23 villette, 21 delle quali in provincia di Reggio Calabria di proprietà della Co.Invest, e di diverse società, compresa la LT logistica e trasporti e la G. R. transport logistics specializzata nel deposito ferroviario e trasporto merci che, accusa la Dda, contrastavano “attraverso minacce e intimidazioni” le aziende concorrenti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684