"Cavadduzze" e "cudduredde", a Salemi il pane è tradizione - QdS

“Cavadduzze” e “cudduredde”, a Salemi il pane è tradizione

web-la

“Cavadduzze” e “cudduredde”, a Salemi il pane è tradizione

web-la |
mercoledì 03 Febbraio 2021 - 14:21

Motivati dalla devozione per San Biagio, e celebrando la memoria storica di un evento che interessò la cittadina nel 1542, i salemitani ogni 3 febbraio si riuniscono nelle case per preparare tipici pani devozionali a forma di gola e di cavallette

Quella delle cavadduzze e delle cudduredde è una tradizione che si tramanda da secoli e secoli, a Salemi.

Motivati dalla devozione per San Biagio, e celebrando la memoria storica di un evento che interessò la cittadina nel 1542, i salemitani ogni 3 febbraio si riuniscono nelle case per preparare tipici pani devozionali a forma di gola e di cavallette.

Proprio così: gola e cavallette.

La gola, di cui San Biagio è protettore, viene riproposta
nelle tipiche cudduredde, pani a forma di anello che ricordano la cavità
orale. Si racconta, infatti, che il Santo guarì un bambino che stava soffocando
a causa di una lisca conficcata nella gola.

Le cavallette, invece, richiamano un momento storico difficile per la città di Salemi: nel 1542, infatti, uno sciame copioso di cavallette invase la città e ne distrusse i raccolti. Tutta la popolazione, allora, si affidò a San Biagio, protettore delle sementi, perché la città fosse liberata dalla terribile invasione. Il miracolo avvenne.

Da allora in avanti, le donne onorarono San Brasi (così
lo chiamano) attraverso il pane – frutto della terra e del lavoro dell’uomo –
forgiando vere e proprie opere d’arte che, poi, durante la celebrazione
eucaristica, vengono benedette e consumate.

Più recentemente sono state introdotti, oltre alla gola e alle cavallette, nuovi piccolissimi pani: il bastone e la mano di San Biagio.

Per la preparazione occorrono: acqua, farina e pinzette da
cucina utili per realizzare le tipiche forme, tramandate dalla tradizione.

Una tradizione che oggi, in occasione della festa liturgica
del Santo, si arricchisce di una nuova supplica: “Possa San Biagio liberarci
dalla pandemia”.

E così sia.

Alessia Giaquinta

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684