Affitti, cedolare secca: cos'è e cosa cambia nel 2023

Cedolare secca 2023: come funziona la tassazione agevolata sugli affitti

web-mp

Cedolare secca 2023: come funziona la tassazione agevolata sugli affitti

Redazione  |
sabato 07 Gennaio 2023 - 10:33

Come funziona la tassazione sostitutiva all'IRPEF per i contratti di affitto prevede aliquote agevolate al 21 e al 10 per cento. Dagli adempimenti per la scelta dell'opzione al calcolo dell'imposta

Anche nel 2023 i proprietari (le persone fisiche, ndr) di immobili dati in locazione possono optare per la cedolare secca al posto del regime ordinario Irpef. La legge di Bilancio 2023 non ha introdotto modifiche.

In questo articolo, di seguito, vi spieghiamo cosa è la cedolare secca, tutte le regole per gli affitti anche nel 2023, e chi può usufruirne.

Cedolare secca, cosa è e come funziona

La cedolare secca è un’imposta fissa che viene sottoscritta in occasione dei contratti di locazione al posto della consueta tassazione Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche.

Quando si può utilizzare per l’affitto di un immobile

Come si legge sul sito dell’Agenzia delle Entrate, si può ricorrere alla cedolare secca per unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11 (esclusa l’A10 – uffici o studi privati) locate a uso abitativo e per le relative pertinenze, oppure con contratto separato e successivo rispetto a quello relativo all’immobile abitativo.

Le aliquote della cedolare secca

Le aliquote previste sono due: al 10% per i contratti d’affitto a canone concordato, o al 21% per i contratti d’affitto a canone libero di immobili locati a fini abitativi.

Queste particolari aliquote non si applicano in maniera automatica, ma in seguito a una scelta nel momento in cui si procede con la registrazione del contratto attraverso il modello Rli, cioè la Registrazione Locazioni Immobili.

Come si legge sul sito delle Agenzie delle Entrate, può optare per la cedolare secca al 21% anche chi si avvale del regime delle locazioni brevi: cioè di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni.

Il numero dei contribuenti che possono accedere all’aliquota al 21% è in ogni caso più ampio rispetto alla tassazione al 10%, perché le condizioni sono meno stringenti.

L’aliquota maggiore può essere scelta dalle persone fisiche titolari di un diritto di proprietà o di godimento di un immobile. Questa condizione, però, si deve manifestare al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti o professioni.

I vantaggi dell’utilizzo della cedolare secca per i proprietari dell’immobile

Se utilizzano la cedolare secca, i proprietari dell’immobile possono fare a meno di pagare:

  • l’imposta di registro nel momento in cui viene registrato il contratto;
  • l’imposta di bollo all’atto di registrazione del contratto;
  • le addizionali Irpef, comunali e regionali.

Cedolare secca, l’acconto e il saldo: ecco cosa sapere

Ogni anno i contribuenti sono tenuti a versare un acconto e un saldo. La Legge di Bilancio 2021 ha stabilito che l’acconto dovuto deve essere calcolato sulla base dell’imposta versata nell’anno precedente e deve essere pari al 100%.

Quando vanno versati acconto e saldo

L’acconto deve essere versato in un’unica soluzione entro il 30 novembre se l’importo è inferiore a 257,52 euro. Oppure in due rate, se l’importo dovuto è superiore a 257,52 euro. La prima, del 40%, deve essere versata entro il 30 giugno. La seconda, del restante 60%, entro il 30 novembre.

Tag:

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001