Coldiretti, con smart working Sos per bar e ristoranti - QdS

Coldiretti, con smart working Sos per bar e ristoranti

web-j

Coldiretti, con smart working Sos per bar e ristoranti

web-j |
giovedì 02 Settembre 2021 - 16:37

Con lo smart working si azzerano le pause pranzo, sono ben 5 milioni di persone collegate da casa all'ufficio, situazione che colpisce soprattutto i locali in città con forte presenza di uffici

Allarme smart working in bar, pub, ristoranti, trattorie, pizzerie e agriturismi a causa dell’azzeramento delle pause pranzo; questo dopo un”estate in zona bianca che ha determinato un significativo incremento degli incassi per la ristorazione pari a 20 miliardi di euro. Ad evidenziarlo è la Coldiretti, nel sottolineare che a lavorare da casa sono 5 milioni di persone collegate all’ufficio dalla cucina, dal salotto, dallo studio o dalla camera da letto; una situazione che colpisce soprattutto i locali in città con forte presenza di uffici.

Dopo gli importanti segnali di ripresa, questo contesto rischia di avere un pesante impatto a cascata sul sistema agroalimentare nazionale, con oltre un milione di chili di vino e cibi invenduti dall’inizio della pandemia, secondo la Coldiretti. Per mangiare fuori casa è destinato oltre 1/3 del totale della spesa alimentare delle famiglie, con una tendenza all’aumento che non si è mai arrestata prima dell’emergenza Covid che nel 2020 ha provocato un crollo del 48% nel fatturato della ristorazione.

Ma dopo lockdown, coprifuoco e limitazioni nei posti a sedere si è rimesso in moto un sistema, anche con il green pass, che complessivamente coinvolge 360 mila locali della ristorazione, 70 mila industrie alimentari e 740 mila aziende agricole lungo la filiera impegnate a garantire le forniture per un totale di 4 milioni di posti di lavoro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684