Competenza scientifica per cittadini responsabili - QdS

Competenza scientifica per cittadini responsabili

Lucia Russo

Competenza scientifica per cittadini responsabili

mercoledì 18 Dicembre 2019 - 00:00
Competenza scientifica per cittadini responsabili

Quali competenze devono acquisire gli alunni in modo da diventare dei cittadini attivi?

Quali competenze devono acquisire gli alunni in modo da diventare, una volta completato il percorso scolastico, dei cittadini attivi? Della “Comunicazione nella madrelingua” e della “Comunicazione nelle lingue straniere” si è trattato nella precedente rubrica del 4 dicembre. Tali competenze sono state indicate nella Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 2006, aggiornata nel 2018, insieme ad altre sei, per un totale di otto fondamentali obiettivi da raggiungere.

“Competenza matematica e competenze di base in campo scientifico e tecnologico” è al terzo punto dell’elenco, ricomprende l’abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. La statistica rientra in questo ambito riuscendo, in particolare, ad avvicinare i giovani alla matematica grazie alla sua potente capacità di spiegare e interpretare il mondo con il supporto di dati obiettivi. Per quanto riguarda le competenze in campo scientifico e tecnologico si tratta delle abilità di rilevare fenomeni, osservare, sperimentare e raccogliere dati, formulare ipotesi e verificarle. Per questo la didattica deve basarsi sulla sperimentazione, l’indagine, la riflessione e la contestualizzazione dell’esperienza.

Nelle “Indicazioni nazionali e nuovi scenari”, documento Miur del 2012, si specifica che la ricerca sperimentale, individuale e di gruppo, rafforza nei ragazzi la fiducia nelle proprie capacità di pensiero, la disponibilità a dare e ricevere aiuto, l’imparare dagli errori propri e altrui, l’apertura ad opinioni diverse e la capacità di argomentare le proprie”.

Proprio grazie alla competenza in campo scientifico e tecnologico gli alunni saranno in grado di comprendere i cambiamenti determinati dall’attività umana e di individuare le responsabilità dei cit-tadini. Competenza di grande attualità, in un momento in cui l’Italia fa i conti con i gravi disastri ambientali provocati da decenni di disattenzione, incuria e direi anche ignoranza.

Twitter: @LRussoQdS

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684